Youngmail è una rubrica interattiva tra giovani ed operatori esperti

È un servizio di consulenza gratuito on-line offerto
dai Consultori Familiari dell'ULSS di Vicenza

Come puoi vedere ci sono tanti argomenti di cui puoi parlare: sessualità, contraccezione, rapporti di coppia, con amici, con gli adulti intorno a te, problemi, dubbi o riflessioni personali,...
Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Fastidi intimi

20/12/2018: di Lulu, 18 anni

Domanda

Buongiorno YM, è da lunedì che sento fastidio durante la minzione e spesso sento lo stimolo di andare in bagno. La cosa mi sta un po' preoccupando soprattutto perché nell'ultimo mese ho avuto la candida (ho fatto un tampone e l'esame andava bene). Lo scorso weekend io e il mio ragazzo abbiamo avuto dei rapporti abbastanza "forti", questo può aver causato il fastidio? Cosa posso fare? Sono preoccupata e veramente stanca di averne sempre una.

Risposta

Ciao Lulu!
Data la situazione, è opportuno parlarne approfonditamente o con il medico di fiducia o con un ginecologo. Se vuoi puoi venire da noi allo Spazio Giovani e parlarne con la ginecologa.
Trovi tutte le info con indirizzi e orari sul sito!
Ti aspettiamo?

Youngmail

Sessualità e difficoltà iniziali

13/11/2018: di Ballerina, 21 anni

Domanda

Buongiorno, avrei alcuni dubbi da chiarire:
Da circa 3 mesi sto assieme a un ragazzo di 11 anni più grande; avendo avuto lui una serie di esperienze (mentre io non avevo mai avuto rapporti), ho sempre voluto utilizzare il preservativo.
Spesso si rompono o si sfilano nel corso del rapporto; la prima domanda è questa: ne abbiamo cambiati diversi modelli, quindi non capisco se siamo noi, se non sono sufficientemente lubrificata (ma anche questo non è vero) o quale sia il motivo?
Lui mi ha sempre detto di avere sempre avuto difficoltà ad avere un orgasmo durante i rapporti e l’unica soluzione sarebbe farlo senza protezione; avendomi lui raccontato alcune esperienze un po’ “così”, io non voglio farlo senza (neanche a coito interrotto); spesso gli chiedo allora come faccia il resto del mondo a farlo ‘tranquillamente” e “normalmente” con il preservativo... 2) Ma è normale questa cosa, cioè che lui non senta nulla o poco?
Anche io faccio molta fatica a raggiungere ‘il momento’, ma probabilmente è per l’inesperienza, ci vorrà calma e tempo (e gliel’ho sempre detto), magari capita che io ci stia per arrivare, ma poi magari perdo il momento, insomma... all’inizio dei rapporti sentivo molto, poi c’è stato un periodo in cui, nonostante stessi lì con la mente, non sentivo quasi nulla; sì sentivo il movimento ma poco altro... Il ginecologo mi ha detto che probabilmente erano miei problemi psicologici. 3) Ma è normale che se fossero stati problemi psicologici miei provocassero la perdita di rigidità sua?
Ho iniziato a prendere la pillola il mese scorso; a circa 10 giorni dall’inizio del blister, ho avuto perdite rosso scuro, quasi marroncine, unite a dolore anche solo all’entrata di un dito. Per qualche giorno era un dolore, non acuto, ma importante anche mentre ero all’università o camminavo.
La mestruazione successiva è stata leggera, come se fossero perdite, breve e quasi quasi inesistente (un po’ di dolore iniziale e dolore ai seni, come tipico), questo iniziato il 29 ottobre. Ho iniziato il secondo blister; al tredicesimo giorno di pillola (sabato 10 novembre) ho scoperto di nuovo perdite, idem il giorno successivo e il lunedì, ma in questo caso sangue rosso, leggero dolore domenica pomeriggio e ieri sera (non il dolore avuto il mese scorso alla penetrazione, ma dolore come nel ciclo, solo più leggero). 4) Non capisco se questo sia un ‘doppio ciclo’, se siano perdite, se sia un ciclo in ritardo? E la pillola devo continuare a prenderla normalmente in successione, ignorando le perdite?
Il ginecologo mi ha detto (metà settembre) di provarla per 3 mesi, farmi poi le analisi del sangue e portargliele.
5) Spesso faccio fatica a farlo eiaculare usando la mano, forse perché essendo abituato alla sua di mano, è necessaria tanta energia ed essere anche bruschi?
6) è possibile contrarre malattie anche praticando fellatio? E al contrario nel preliminare da lui praticato a me tramite bocca?
7) se lui si facesse le analisi “normali” del sangue, poi è possibile che io stia tranquilla e in futuro (dopo la regolarizzazione con la pillola) avere rapporti senza preservativo? Appunto anche per il fatto che si sfila, non sto tranquilla totalmente e magari ‘non mi abbandono appieno’.... anche se poi comunque lui non viene mai e quindi il rischio si riduce notevolmente.
8) A me sembra comunque talmente strano che lui non sia in grado di arrivare all’orgasmo durante l’atto... ma questo è dovuto alla sua abitudine, magari passata alla masturbazione? (Magari fa paragoni ed è ovvio che in un rapporto sente meno che non nella stimolazione con la mano..)
Può essere qualche problema psicologico? (Magari non si rilassa... ma tale problema l’ha sempre avuto, da quando ha iniziato ad avere rapporti)

Ti ringrazio e scusami per le tante domande!

Risposta

Ciao Ballerina! Proviamo a raggruppare un pò le tue domande e rispondere per argomenti.
Anzitutto, molto saggia la decisione di utilizzare il preservativo e proteggerti. Brava! E' normale che gli uomini abbiano una resistenza ad usarlo e che preferirebbero non usarlo pur esponendosi ed esponendo a rischi. Ma ancora non vi conoscete abbastanza e il preservativo è una misura di protezione reciproca a cui non si può al momento rinunciare.
Probabilmente i preservativi si sfilano o si rompono o perché c'è una perdita, anche parziale o temporanea, di erezione o perchè non sono infilati correttamente.
Da quel che dici, comunque, non è molto che avete iniziato a vivere la sessualità, per cui è necessario un tempo di conoscenza e confidenza perché possiate sentirvi completamente a vostro agio, senza preoccupazioni o ansie e conoscendo reciproci tempi e modi di vivere la sessualità.
E soprattutto è controproducente porsi nella logica di "sono io la causa?", perchè questo apre la porta a reciproche colpevolizzazioni e aggiunge ansie alla sessualità. Piuttosto concentratevi per "far squadra" sulla soluzione di un problema che non è come far raggiungere l'orgasmo a lui o a te, ma come vivere una sessualità piacevole, rilassata ed affettiva. Ciò può avvenire, ad esempio, anche concentrandosi sui preliminari e sullo star bene, piuttosto che sul finale e che quel finale coincida con un doppio orgasmo (le aspettative non aiutano in questo caso..).
Quando avrete acquisito reciproca fiducia, potrete verificare entrambi che non ci siano malattie sessualmente trasmissibili attraverso le dovute analisi e successivamente utilizzare un altro tipo di contraccezione. Solo però con la sicurezza di non trasmettervi malattie (che vuol dire essere sicuri della reciproca fedeltà al presente). E' possibile eseguire gli esami del sangue per le più importanti malattie sessualmente trasmissibili. Puoi chiedere al ginecologo o al medico di famiglia, la prescrizione. Anche i rapporti orali, possono trasmettere alcune malattie. Sarebbe bene parlare di tutto questo con un medico per orientare gli esami da fare.
Per quanto riguarda la pillola: i primi mesi è frequente avere lo "spotting", cioè scarse perdite ematiche intermestruali. Questo è dovuto fondamentalmente ai bassi dosaggi che oggigiorno si usano. E' utile aspettare,continuare ad usarla per un paio di mesi ed eventualmente parlarne con il Ginecologo per cambiarla se il problema non dovesse risolversi dopo 2 o 3 blister. Anche il secondo sintomo, il dolore vaginale, può essere dovuto all'inizio dell'uso della pillola, ovvero ad un po' di secchezza vaginale. Bisogna tuttavia escludere che ci possano essere infezioni in corso, cosa che solo il Ginecologo può fare con una visita.
Ciao!

Youngmail

Rapporto con persona poco conosciuta: accertamento per verifica HIV?

22/10/2017: di Fefix, 17 anni

Domanda

Ciao, il 21 agosto ho avuto un rapporto in cui si ruppe il preservativo ma prima dell'eiaculazione. È una persona che frequentavo da poco per cui non sono a conoscenza delle sue abitudini con altre. Ora ci sto ripensando e sono terrorizzata dall HIV. Cosa devo fare? È necessario che faccia le analisi? Aiutatemi vi prego.

Risposta

Carissima Fefix, in questi casi meglio approfondire. Se vuoi essere sicura è bene fare l'esame del sangue. Il servizio delle malattie infettive (day hospital) è disponibile ad accoglierti ed eventualmente a fare l'esame gratuitamente ed in modo anonimo. Sapranno inoltre chiarire domande e dubbi...
Ciao!

Youngmail

Perdite e fastidio dopo rapporto

03/10/2017: di Fra, 19 anni

Domanda

Salve ym, scrivo perché in seguito ad un rapporto preliminare con il mio ragazzo, qualche settimana fa ho avuto delle perdite insolite di liquido vaginale giallo, con conseguente prurito e bruciore (non molto acuto ma presente). Mi chiedevo se potesse essersi trattato di un'infezione e se fosse il caso di fare un controllo da voi durante lo "spazio giovani". Adesso le perdite insolite e tutto il resto sono terminati, ma siccome sono persistiti per due settimane volevo assicurarmi che fosse tutto nella norma. Buona Giornata!

Risposta

Ciao Fra! I sintomi descritti sono indicativi di una possibile infezione vaginale, che è possibile si sia risolta spontaneamente (spesso queste piccole patologie si autolimitano). E' comunque opportuno non sottovalutare troppo e parlarne con il ginecologo. Ciao!

Youngmail

Condiloma

14/06/2017: di Sara8065, 16 anni

Domanda

Salve,
Penso di aver contratto un condiloma all'entrata della vagina.Nei prossimi giorni avrò una visita ma non è questo a preoccuparmi,questo tipo di infezione può influenzare le mestruazioni e renderle meno durature e intense del solito?il condiloma dopo quanto porta a un tumore e può essere stata questa la causa dell'ingrossamento dell'utero?

Risposta

Carissima Sara8065, i condilomi vulvari sono un'entità diversa da quelli del collo dell'utero, legati all'insorgenza del tumore. Tanto meno possono influenzare endometrio e/o ovaie. Quindi non si dovrebbe avere preoccupazione per questo. Ti consigliamo di fare una visita dal ginecologo che potrà chiarire bene tutto questo ed imposterà la terapia adeguata.
In bocca al lupo! Ciao!

Youngmail

Test HIV: come farlo?

20/05/2017: di Andrea, 16 anni

Domanda

Vorrei in anzitutto ringraziare in anticipo
Vorrei chiedere una semplice informazione...
È possibile fare il test hiv in anonimo e senza che i genitori lo sappiano anche se si è minorenni? Se si come? Grazie mille veramente...

Risposta

Caro Andrea, il test HIV si può fare gratuitamente, andando anche senza appuntamento presso il Day Hospital delle Malattie Infettive. Il test può essere fatto anche in anonimato, però ti consigliamo di recarti lì direttamente e sentire come funziona nel caso di ragazzi minorenni. Inoltre, dato che se pensi di fare il test probabilmente sei in una situazione di dubbi non facile, recarti lì può esserti utile anche per fare un eventuale valutazione del rischio e avere informazioni e orientamento sul da farsi (viene infatti fornito un servizio di counseling).
Gli ambulatori si trovano presso l'Ospedale, puoi recarti direttamente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00 oppure se preferisci telefonare al 0444 753708 o al 0444 753780.
Se ti va, facci sapere com'è andata! In bocca al lupo!!

Youngmail

Vaccino per il papilloma virus

20/04/2015: di Eura, 15 anni

Domanda

Ciao ym, ho sentito parlare molto del papilloma virus e qualche anno fa, alle medie, tutte le mie compagne e amiche hanno fatto il vaccino. Anche se per il momento è impossibile che io lo riscontri, sono un po' preoccupata per un domani. Infatti io non ho mai fatto quel vaccino perché i miei (non so il motivo) erano contrari. È il caso di aspettare? O di parlarne con mia mamma e farlo?

Risposta

Carissima Eura, in effetti le tue riflessioni sono importanti. Sarebbe una buona cosa parlarne con i tuoi genitori, capire le ragioni della loro scelta, e magari discuterne anche insieme al tuo medico di famiglia, che potrà spiegare loro l'importanza di questo vaccino. Stai tranquilla, sei ancora in tempo! Potrai eventualmente farlo anche più avanti, senza problema. L'importante sarebbe però farlo prima di iniziare ad avere rapporti sessuali, in modo che a quel punto saresti protetta dal rischio di infezione da HPV, che in alcune forme è causa del cancro del collo dell'utero.
Ciao!

Youngmail

Cistite e clitoride che da fastidio

07/10/2014: di Doll1992, 20 anni

Domanda

Ciao ym, inizio dicendo che, l'1 settembre ho avuto una cistite leggera, ahimè, curata con antibiotico. Come l'anno scorso, dopo la solita cistite annuale, ho avuto problemi con il clitoride ossia, senso di fastidio e gonfiore, ma il fastidio si potrae fino al meato uretrale. Ho applicato meclon e gynocanesten ed è passato. Tra le labbra ho dei puntini bianchi in rilievo e, inoltre, ho 2-3 puntini che sembrano vescichette sul clitoride, che appare gonfio e non rosso. Sto applicando travocort ma l'effetto è momentaneo. Continuo con travocort agari 2-3 v al giorno? puà essere candida? o una cistite interstiziale?
premetto che ho problemi di secchezza dovuta alla pillola. Spero in una risposta grazie ciao

Risposta

Carissima Doll1992, è difficile dare risposte senza "vedere" la situazione. Solo una visita potrebbe farmi capire meglio ciò che mi descrivi a parole.. E l'indicazione dei farmaci più opportuni viene di conseguenza. Se vuoi puoi venire allo Spazio Giovani a te più vicino e valutare la situazione con il ginecologo.. Trovi tutte le info al riguardo al link "Indirizzi utili" del sito di youngmail. Sarebbe inoltre opportuno eseguire il tampone vaginale e l'urinocoltura se i sintomi non recedono. Se vuoi ti aspettiamo. Ciao!

Youngmail

...irritazioni intime

25/04/2014: di angela, 20 anni

Domanda

Caro youngmail, da un paio di mesi mi frequento con un ragazzo, non abbiamo ancora avuto un rapporto, ma pratichiamo del petting. Le prime 2 volte mi è successo di aver perso del sangue (non sono vergine); ho pensato si trattasse di troppa irruenza o del fatto che lui magari avesse grattato con le unghie. In seguito stando attenti non è più ricapitato, però ogni volta dopo avermi toccata mi sento le fiamme la sotto, mi si arrossano e gonfiano le piccole labbra e per un paio di giorni bruciano. Anche con la stimolazione del clitoride ho lo stesso problema, i due giorni seguenti è arrossato e sporgente e da un fastidio come se fosse infiammato o irritato. Volevo chiedere se questo fosse un problema serio o solo se basta usare più delicatezza, perchè la pelle li è molto sensibile. Inoltre nell'estate scorsa ho avuto per due volte la candida, può essere collegato?

Risposta

Cara Angela, sarebbe utile eseguire una visita ginecologica oppure un tampone vulvo-vaginale (lo può prescrivere anche il medico di famiglia) per capire se il sintomo è solo di carattere irritativo o infiammatorio-infettivo. Intanto il consiglio è di prestare più attenzione soprattutto all'igiene durante l'attività sessuale. Ciao!

Youngmail

Dolore durante rapporto dopo cistite

03/04/2014: di lulu, 20 anni

Domanda

ciao ym!!! allora, premetto che sono fidanzata con un ragazzo da due anni e da poco più di un anno facciamo sesso; ho sempre provato piacere e, non ho mai avuto problemi di nessun tipo; purtroppo ai primi di luglio ho avuto una cistite poi curata ma, da allora, (penso sia dovuto a quello) quando ho dei rapporti sessuali sento durante la penetrazione bruciore/attrito, che,se uso un lubrificante, questo problema passa tornando tutto normale. quello che chiedo è: cosa può essere? una qualche infezione o semplicente un pò di
secchezza? attendo una tua risp ciao!!! :)

Risposta

Cara Lulù, potrebbe trattarsi di entrambi, sia di un'infezione che di secchezza vaginale. Tuttavia, in prima battuta è necessario eseguire un tampone vaginale. Se si trattasse di secchezza, è vero, ci sono dei lubrificanti che aiutano. Prima però è importante e necessario escludere la vaginite, per cui ti consigliamo di farti prescrivere un tampone vaginale dal tuo ginecologo o dal medico. Ciao!

Youngmail

Sangue dall'ano

24/03/2014: di anonima, 18 anni

Domanda

Gentili dottori,
circa un mese fa ho avuto con il mio ragazzo un principio di rapporto anale. Dico principio perchè appena è entrato ho sentito un fortissimo dolore e, nonostante avessimo smesso subito, da quel momento ho cominciato a perdere un po' di sangue.
Tuttora quando vado in bagno, sento un lieve bruciore all'ano e talvolta esce, anche se in piccolissime quantità, del sangue.
Comincio ad essere preoccupata, secondo voi cosa dovrei fare?
Vi ringrazio infinitamente per il servizio che svolgete.

Risposta

Cara Anonima, potresti avere un problema di emorroidi, una patologia non preoccupante dell'ano. Il consiglio è di rivolgerti al tuo medico di base. Ciao!

Youngmail

tantum rosa e ovuli per vaginite?

12/09/2013: di Sunshine, 20 anni

Domanda

Ciao ym! Avrei bisogno di un consiglio... sono stata dal medico curante e, gli ho spiegato che, ho bruciori quando ho un rapporto sessuale cioè, durante la penetrazione fa male e mi brucia la vagina internamente. lui, mi ha detto che si tratta di vaginite, perchè, non ho mai avuto problemi di questo tipo... allora, mi ha consigliato di fare lavaggi col tantum rosa e, gli ovuli meclon; il problema è, è meglio fare la cura assieme o, separatamente? in quanto non ha specificato e, mi scoccia un po ritornarci per chiedere questa cosa...perchè appunto come sintomo ho solo quel problema li apparte, qualche disturbo nella zona del clitoride... qualche consiglio? spero in una risposta grazie :)

Risposta

Cara Sunshine, scusa il ritardo della risposta ma abbiamo avuto qualche problemino con il sito...eccoci! Allora, la cura va fatta assieme, nel senso che i due prodotti vanno usati nel medesimo periodo di giorni, ma rispetto alla loro "assunzione" puoi utilizzare gli ovuli la sera e la lavanda la mattina. In bocca al lupo!

Youngmail

Paura dei rapporti sessuali post cistite

11/08/2013: di Aurora, 19 anni

Domanda

Ciao youngmail!!! ti scrivo perchè ho bisogno di essere rassicurata. Ai primi di luglio ho avuto una cistite risolta con antibiotico. Però,ora ho paura di avere rapporti sessuali con il mio ragazzo in quanto, un paio di giorni prima circa, ho avuto un rapporto sessuale, molto doloroso (bruciava la penetrazione)e, io ho dato colpa al fatto che ero poco lubrificata; (effettivamente lui diceva che ero bagnata ma io non mi sentivo così)e, appunto poi mi è comparsa questa cistite. poi, finita la cura abbiamo riprovato e, mi faceva ancora male;infine, ai primi di agosto ho fatto una urinocoltura risulata negativa. ora, il mio dubbio è se l'infezione era già in atto prima di avere il rapporto o, è stato il rapporto stesso a farla sviluppare? inoltre, ho sentito parlare del MANNOSIO, che cosa è? dove si può trovare? Grazie del servizio che offri. Ciao Aurora.

Risposta

Carissima Aurora, in caso di penetrazione dolorosa, in una donna che prima non aveva problemi, si può pensare in primis ad una vaginite. La cistite è un'infezione della vescica e/ dell'uretra, quindi un'altra cosa...è possibile che con il rapporto gli agenti patogeni risalgano l'uretra e quindi inducano l'infezione delle vie urinarie.
? quindi utile accertare se c'è vaginite, con un tampone vaginale per
esempio, che ti può prescrivere sia il tuo medico di famiglia che il ginecologo, ed impostare eventualmente una terapia mirata.
Per quanto riguarda il mannosio, se il tuo intento è curarti senza utilizzare antibiotici, considera che ci sono in vendita numerose terapie alternative. In ogni caso, ritengo comunque utile fare prima una corretta diagnosi che permetta di impostare una terapia adeguata,
prima di rivolgersi a rimedi fai da te.
Ciao!

Youngmail

Dolore al clitoride

01/08/2013: di debora, 20 anni

Domanda

Ciao youngmail!!! ho un problemino che, mi fa al quanto preocuppare. Allora, circa 40 giorni fa ho avuto una cistite, i sintomi sono spariti ma, purtroppo ho un forte dolore al clitoride del tipo ci fosse un livido tipo avessi preso una gran botta... non riesco a toccarlo e, tanto meno avere rapporti sessuali in quanto anche la penetrazione fa male e brucia. inoltre, mi sembra un pò gonfio e anche rosso. cosa può essere? una semplice infiammazione? spero in una risp!!! grazie grazie, Debora.

Risposta

Cara Debora, da come la descrivi potrebbe essere un'infiammazione, ma non è possibile dire di più senza una visita ginecologica diretta, che ti consigliamo anche per l'eventuale terapia. Rivolgiti al tuo ginecologo di fiducia o, se preferisci, vieni in consultorio. Ciao!

Youngmail

Problemi post cistite, candida o altro?

30/07/2013: di laura, 20 anni

Domanda

Salve ym, un mese fa ho avuto una cistite, curata con keraflox e cistalgan, ma, a distanza di un mese ho ancora problemi, in quanto ho una sensazione di pizzicore/sollettico nell'orefizio dell'uretra, che, se tocco fa molto male, come ci fosse un livido; inoltre, mi provoca dolore/bruciore durante i rapporti sessuali. c'è la possibilità che sia ancora cistite? (ho avuto una leggera candida che, però è passata.) attendo speranzosa di una sua risposta. grazie mille in anticipo, Laura.

Risposta

Cara Laura le tue ipotesi potrebbero essere entrambe vere. Solo una visita ginecologica può però appurare qual'è il problema e portarti all'assunzione di una terapia mirata. Perciò ti consiglio di andare dal tuo ginecologo di fiducia o, se preferisci, al tuo consultorio di zona. Ciao!

Youngmail

Youngmail

Scrivici