Youngmail è una rubrica interattiva tra giovani ed operatori esperti

È un servizio di consulenza gratuito on-line offerto
dai Consultori Familiari dell'ULSS di Vicenza

Come puoi vedere ci sono tanti argomenti di cui puoi parlare: sessualità, contraccezione, rapporti di coppia, con amici, con gli adulti intorno a te, problemi, dubbi o riflessioni personali,...
Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Interruzione di gravidanza farmacologica?

20/05/2019: di Sara, 17 anni

Domanda

buongiorno, vorrei chiedere un'informazione. Volevo sapere se in consultorio da voi è possibile avere una pillola abortiva e, in caso, se è necessario essere maggiorenni per poterla ricevere.
Grazie mille.

Risposta

Cara Sara, cosa intendi per pillola abortiva? Parli della Pillola del Giorno dopo, che non è considerata abortiva, ma è una forma di contraccezione di emergenza in caso di rapporti a rischio avuti entro i 5 giorni precedenti, o della pillola abortiva vera e propria?
Nel caso della pillola del giorno dopo, essendo minorenne puoi venire in Consultorio dove, dopo aver valutato insieme al ginecologo la situazione, potrai averne la prescrizione per acquistarla in farmacia.
Diversamente per l'altra situazione per cui dobbiamo spendere alcune parole di spiegazione. La legge sulla Interruzione Volontaria di Gravidanza prevede che ogni procedura per avere l'interruzione sia praticata dagli ospedali, indipendentemente dalla metodica (farmacologica, come dici tu "pillola abortiva", o chirurgica, il piccolo intervento che si pratica ordinariamente). Nel caso della pillola abortiva, va considerato che questi farmaci non sono dispensati nelle farmacie, ma sono solo ad uso ospedaliero.
In Consultorio non si praticano aborti, ma eseguiamo i colloqui ed eventuali visite, per aiutare le donne in difficoltà a prendere la loro decisione, consapevoli di tutte le possibilità. Alla fine del percorso, se la donna decide per l'interruzione di gravidanza, si rilascia quindi un certificato, che è la condizione necessaria per andare in ospedale. Anche le ragazze minorenni possono fare l'interruzione di gravidanza, ma è necessaria la presenza dei genitori.
Speriamo di aver fatto chiarezza rispetto ai tuoi dubbi!
Ciao!

Youngmail

Incinta di 13 settimane

11/07/2017: di Q123, 17 anni

Domanda

Ciao,ho scoperto adesso di essere incinta e dalla visita è risultato che sono di 13 settimane.Il problema è questo:è una gravidanza indesiderata.È possibile prendere la pillola abortiVa in questa fase di gravidanza?

Risposta

Carissima Q123,
ci dispiace, sappiamo che una gravidanza non desiderata a 17 anni è un'esperienza complessa e delicata.
L'interruzione di gravidanza è possibile solo fino alla 12a settimana, quella con la pillola abortiva, nello specifico di cui chiedi, solo al massimo fino alla 7a settimana. Secondo la datazione che tu riporti (13a settimana) è troppo tardi per percorrere questa strada.
Da come capiamo, sei già stata accolta e visitata da un ginecologo. Il consiglio è di fidarti della persona che ti ha visto e possibilmente di chiedere anche l'affiancamento di uno psicologo per aiutarti ad affrontare questa situazione e capire come procedere. Se vuoi, puoi venire a parlarne con lo psicologo del Consultorio a te più vicino. Trovi indirizzi e telefoni per prendere un appuntamento nel sito. Se vuoi, ti aspettiamo!
Ciao!

Youngmail

Aborto: quali procedure? Anche con farmaci?

09/07/2015: di Anna, 22 anni

Domanda

Caro Youngmail, volevo sapere alcune cose sull'aborto.
è possibile abortire tramite farmaci? e come avviene la procedura?
Nel caso si rimanessi incinta è possibile abortire non facendolo sapere ai genitori?

Risposta

Cara Anna, la legge sull'interruzione della gravidanza in Italia regola molto chiaramente la procedura.
Possono richiedere l'interruzione di gravidanza (IVG) solo le donne maggiorenni.
Per le minorenni è necessario il consenso di entrambi i genitori. In casi eccezionali quando la presenza dei dei genitori non è possibile, è necessario ricorrere ad un Giudice particolare che valuta se autorizzare l'interruzione o meno.
I consultori familiari, rispetto alle richieste di interruzione di gravidanza, si occupano di accogliere le richieste delle donne, di dar loro consulenza ginecologica e psicosociale al fine di valutare bene la scelta e di rilasciare il documento necessario per rivolgersi all'ospedale, ove si effettua l'intervento.
La tecnica di IVG può essere anche farmacologica, ma ciò avviene solo su somministrazione ospedaliera ed è attualmente possibile solo in alcuni ospedali.
? importante ricordare che un'interruzione di gravidanza, comunque essa avvenga e per qualsiasi motivo debba esser fatta, è una decisione ed un evento molto delicato nella vita di una donna. Si tratta di una scelta non facile, che spesso porta sofferenza. Per questo motivo, il consiglio è di evitare il più possibile di trovarsi nella situazione di dover valutare una tale scelta, proteggendosi prima con una contraccezione sicura.
Ciao!

Youngmail

Pillola abortiva

06/07/2012: di Tilly, 18 anni

Domanda

Caro youngmail, prima di tutto vorrei ringraziarvi per l'immenso aiuto che date a noi ragazzi, fate un lavoro stupendo! Poi vorrei porvi una domanda, forse dovrei saperlo, ma in realtà le mie idee sono un po' confuse. Esiste o almeno è legale in Italia la pillola abortiva? é possibile quindi praticare l'aborto attualmente??

Risposta

Cara Tilly, posto che interrompere volontariamente una gravidanza è una decisione complessa, dolorosa, che porta con se molte implicazioni, per cui non ci stancheremo mai di consigliare di "attrezzarsi prima" (contraccezione sicura) per evitare un simile rischio, esistono norme e un iter rispetto all'interruzione della gravidanza piuttosto articolati. Prevedono infatti una fase di valutazione dell'opportunità/possibilità dell'interruzione fatta presso il consultorio o con il proprio medico e l'eventuale intervento di interruzione vero e proprio fatto in ospedale.
Più specificatamente, in Italia la pratica dell'interruzione
volontaria di gravidanza è regolata da una legge: la legge 194 del 1978. Da allora è permesso interrompere volontariamente la gravidanza entro la 12° settimana, qualora ci siano seri "problemi" (e la legge elenca quali) e qualora un medico ne abbia certificato la fattibilità (in consultorio le donne vengono seguite in equipe).
Presso l'ospedale si pratica l'intervento; da quando è in uso la
terapia medica si può usare - in alcuni casi, non sempre - anche la
cosiddetta "pillola". È una pratica solo ospedaliera, che non esclude
comunque la parte iniziale dell'iter.
Ciao!

Youngmail

Interruzione di gravidanza: una grande ferita!

17/06/2007: di Kiara, 18 anni

Domanda

Cara youngmail, vi scrivo x parlarvi di un problema k mi ha cambiato la vita.Quasi un anno fa sn rimasta incinta x irresponsabilità, all'inizio io e il mio ragazzo eravamo molto dubbiosi e soprattutto spaventati ma volevamo cmq tenere qst bambino ma i nostri genitori(soprattutto i miei) senza preoccuparsi delle conseguenze e dei nostri pareri mi costrinsero ad abortire, noi, allora minorenni nn potevamo fare nulla..ed ora tt quello k mi è rimasto d quella orribile esperienza è rabbia,rimorso e tristezza nel pensare soprattutto cm sarebbe stata la vita col nostro bambino. Ogni tanto ci ripenso e sto molto male e qnd vedo mamme coi propri bimbi o donne gravide vorrei essere al loro posto chiedendomi se mai un giorno ne avrò l'occasione..nn so cm fare x farmene una ragione nonostante sia passato tt qst tempo!e mi chiedo cm dei genitori possono fare qst alla propria figlia!..aiutatemi..grazie!

Risposta

Cara Kiara, interrompere una gravidanza è un intervento le cui ferite fisiche spesso guariscono più in fretta di quelle psicologiche ed emotive. Ti è successa una cosa grossa ed in più hai vissuto quella scelta come un 'esproprio', un'ingiustizia.
Quando si vive un evento in modo traumatico, si rischia di continuare a pensare a quello che più ci ha ferito e si finisce per cadere nella trappola del rimuginio, cioè del pensiero che gira vorticosamente in tondo senza evoluzione, senza cioè permettere una via d'uscita, un modo per elaborare quel che è successo, per accettarlo e perdonare..se questa cosa sta dentro di te da un anno e mezzo e ancora brucia così tanto, carissima Kiara, forse varrebbe la pena, lavorarci un pò su, cioè rifletterci ed elaborarla con qualcuno di esperto che ti possa guidare nella difficile operazione di chiudere quel capitolo della tua vita per poterne aprire uno nuovo che sia migliore, anche grazie alle esperienze dolorose del passato. Se vuoi puoi rivolgerti al consultorio della tua zona chiedendo di poter parlare con uno psicologo. Lo spazio è riservato e gratuito! Tantissimi in bocca al lupo!

Youngmail

Pillola abortiva

29/05/2007: di paperotta, 22 anni

Domanda

Cara youngmail, avevo scritto la sett scorsa per sapere cos'è la pillola abortiva, ora vorrei sapere se è legale in italia (ho sentito dire che lo è in alcune regioni è vero? se si quali?) e quali sono le controindicazioni e le conseguenze farmacologiche. Inoltre vorrei anche sapere se tutte le donne la possono prendere o se per alcune è sconsigliata e perchè. grazie a presto

Risposta

Cara Paperotta, la pillola abortiva non è in commercio nè è legale attualmente in Italia. Per ora si è fatta solo una sperimentazione rigorosamente ospedaliera a Torino circa 10 - 12 mesi fa. Le complicazioni che questa pillola può dare sono legate al fatto che si tratta di un dosaggio ormonale veramente considerevole e pertanto potenzialmente pericoloso. Sicuramente è controindicato a numerose tipologie di persone. Solo a titolo di esempio, a persone con problemi epatici, renali, emocoaugulativi,... Ciao!

Youngmail

Pillola abortiva: di che si tratta?

22/05/2007: di paperotta, 22 anni

Domanda

Cara youngmail, premetto che per fortuna nn ho mai fatto e nn mi trovo nella situazione di dover fare un'interruzione di gravidanza, è sl che ho sentito tanto parlare della pillola abortiva e vorrei sapere da degli esperti cos'è come funziona e se ha più o meno controindicazioni dell' aborto chirurgico. grazie

Risposta

Cara Paperotta, la pillola abortiva determina un aborto chimico e pertanto è meno traumatizzante dal punto di vista fisico di un intervento chirurgico di interruzione di gravidanzaza, ma si tratta pur sempre di un aborto e presenta rischi sotto il profilo farmacologico. Ciao!

Youngmail

Coito interrotto e rischio di gravidanza

20/04/2007: di jack, 25 anni

Domanda

Cara youngmail, ho avuto un rapporto non protetto con la mia ragazza 8 giorni dopo le sue mestruazioni, il coito l'ho avuto ben dopo essere uscito dal suo corpo ma temo le perdite. lei sente il seno gonfio e leggermente dolorante ma sono gli unici sintomi. potrebbe indicare qualcosa? mancano ancora 9 giorni all'arrivo delle sue prossime mestruazioni. lei non vorrebbe il bambino, ha 25 anni e vive in germania. problemi psicologici a parte (che cmq mi preoccupano tantissimo)quanto bisogna aspettare per un eventuale aborto ed eventualmente sapete se in germania è legale la pillola del giorno dopo?

Risposta

Caro Jack, non sappiamo come funzionano le cose in Germania ma sicuramente ora il tempo per la pillola del giorno dopo è scaduto. Direi che prima di tutto dovreste aspettare a vedere se una gravidanza c'è, effettuando un test di gravidanza a 2 settimane dal rapporto a rischio. Se il test dovesse risultare positivo vi conviene rivolgervi al consultorio familiare della tua zona. Loro vi aiuteranno a valutare la situazione e a fare una scelta e vi accompagneranno eventualmente in quella scelta. Ma, ripeto, prima di fasciarvi la testa, verificate come sta la situazione!! Se non volete avere gravidanze indesiderate, inoltre, dovete pensarci prima, con una contraccezione efficace, cosa che il coito interrotto non garantisce!! Ciao!

Youngmail

I segni di un aborto

31/03/2007: di Lara, 25 anni

Domanda

Salve youngmail, ho abortito nel giugno 2006 e l'ho fatto da sola, senza dirlo alla mia famiglia. Adesso mia madre vuole portarmi a fare un controllo ginecologico completo dal suo ginecologo di fiducia ed io ho paura che visitandomi lui possa scoprire qualcosa ed, essendo amico di famiglia, dire qualcosa a mia madre.
La ma domanda è appunto questa: un aborto lascia dei segni visibili anche a distanza di tempo? Si può "vedere" un avvenuto aborto?
Se si, come? Grazie mille.

Risposta

Cara Lara, per quanto riguarda l'interruzione della gravidanza, se tutto è andato bene, a distanza di diversi mesi con tutta probabilità non emergerà nulla di quell'intervento. Mi lascia però perplessa il fatto che sia tua madre a portarti a fare la visita: forse potresti parlarle rispetto al fatto che alla tua età la visita ginecologica potrebbe essere uno spazio tuo, solo tuo, privato... A che serve che sia presente anche lei? Penso che possa capire il tuo desiderio di riservatezza, a meno che la visita non venga effettuata come modalità di controllo...in quel caso, a maggior ragione, forse dovresti aprire con lei un dialogo sui tuoi spazi...Ciao!

Youngmail

Lei è incinta: che fare???

26/02/2007: di dani, 19 anni

Domanda

Salve youngmail, ho scritto parecchie volte....la my raga è incinta ma ha solo 17anni e nn vogliamo tenerlo anche se è un schifo quello che vorremmo fare dobbiamo perchè siamo troppo giovani e non saremmo capaci di mantenerlo...vorrei sapere come fare x abortire e poi l'itinere ke la my raga dovrà fare??? x essere preparato vi prego di rispondere prima possibile sn molto frustrato e triste.grazie

Risposta

Caro Dani, è certamente molto difficile, doloroso, complicato, affrontare la realtà di una gravidanza non desiderata. Per quanto si senta parlare di rischio di gravidanza indesiderata è difficile immaginarsi quest'evenienza se non ci si trova dentro...e a quel punto si vorrebbe tanto che fosse solo un incubo. Data la delicatezza della questione non mi è possibile raccontarti nel dettaglio il percorso per arrivare ad un'interruzione di gravidanza. Ti posso consigliare di rivolgerti quanto prima al consultorio familiare della tua zona, spiegando il motivo. Ginecologo/a e psicologo vi seguiranno nella vostra decisione, accompagnandovi eventualmente nei vari passaggi necessari. Sappi comunque che se decidete di procedere ad un'interruzione di gravidanza è generalmente necessario coinvolgere i genitori della tua lei ed averne il consenso se lei è minorenne. Anche per questo gli operatori del consultorio vi aiuteranno e sosterranno. Ciao! Buona fortuna!

Youngmail

Interruzione di gravidanza e costi

14/01/2007: di vivianaantonio, 24 anni

Domanda

Cara youngmail volevo farti una domanda. Se io volessi fare l'interruzione essendo maggiorenne quanto costa il ticket? So che l'ecografia e le visite sono gratis; essendo che ho un pò di paura su una piccola situazione che ho vissuto vorrei sapere il prezzo in modo da regolarmi. grazie

Risposta

Cara Vivianantonio, a parte il fatto che quando ci si trova a decidere se effettuare o meno un'interruzione volontaria di gravidanza i costi dell'intervento dovrebbero essere uno degli ultimi fattori su cui riflettere, penso sia opportuno che ti poni questi problemi nel momento in cui ti trovassi a vivere concretamente questa situazione! In ogni caso, devi sapere che ogni azienda sanitaria ha una propria regolamentazione autonoma sull'erogazione dei ticket. Si può chiedere comunque in anticipo il costo della prestazione, al momento della prenotazione. Ciao!

Youngmail

Dopo interruzione di gravidanza tanti timori...

03/01/2007: di principessina, 17 anni

Domanda

Salve!! Ho scritto già altre volte e sono sempre stata molto soddisfatta. Il mio problema è molto semplice.. da dire.. Ho dovuto abortire circa un anno fa e adesso ogni mese lo vivo ansiosamente. Per esempio lo scorso mese gli unici contatti con il mio ragazzo sono stati due, una volta lui mi ha masturbato e una volta petting, sfregandoci entrambi con slip e pantaloni, lui ha eiaculato negli slip. Il ciclo è arrivato con 3 giorni di anticipo e ho deciso di cominciare a prendere la pillola, yasmin. Il ciclo è stato abbondante per quasi due giorni e poi perdite per una settimana circa, è l'effetto della pillola oppure erano finte mestruazioni?? Nausea, dolore al seno, tensione alle gambe possono essere effetti collaterali della pillola? Ultima domanda, aspettavo il ciclo domenica 24 ma il ciclo è arrivato la sera di mercoledi 20, non avevo ancora comperato la pillola, l'ho presa il giorno seguente intono alle 18, quindi nelle prime 24 ore.. posso considerarlo primo giorno di ciclo e quindo sono protetta già da questo mese? se fossi incinta che effetti darebbe la pillola? grazie in anticipo, un bacione

Risposta

Carissima Principessina, non mi sembra che fino ad ora tu abbia avuto rapporti a rischio di gravidanza: perchè dovresti essere incinta? Un'interruzione volontaria di gravidanza è sicuramente un'esperienza che segna e che non si vorrebbe mai trovare, perciò capisco che dopo esserci passata tu possa vivere molti timori e ansie...e da un certo punto di vista questo aiuta a prestare maggiore attenzione a non ritrovarsi in quella situazione...ma non dovrebbero essere tali da vivere con angoscia anche le situazioni sicure! Per quanto riguarda la pillola contraccettiva, la prima mestruazione in cui si comincia la pillola può essere più scarsa nei giorni finali, ma più lunga con perdite ematiche continue. Inoltre, si possono acusare sintomi passeggeri come quelli di cui tu parli, che però dovrebbero essere in remissione nel giro di poche settimane. Rispetto all'assunzione che hai fatto, se vuoi il massimo della sicurezza ti consiglio di attendere il secondo mese, quando tra l'altro avrai acquisito l'abitudine ad un'assunzione corretta. Ciao!

Youngmail

A quando il ciclo, dopo l'IVG?

06/12/2006: di manu27, 27 anni

Domanda

Cara youngmail, ho fatto un'IGV il 30/10/2006 e per circa 15gg ho avuto delle perdite di sangue. Ad oggi pero' 06/12/06 non mi sono ancora venute le mestr. dopo un'IGV come si ristabilisce il ciclo? grazie

Risposta

Cara Manu, ci vuole un pò di pazienza. A volte la mestruazione ricomincia dopo 40 - 50 giorni. Eventualmente consulta il ginecologo, anche per scegliere una contraccezione sicura. Ciao!

Youngmail

Ritardo e paura di gravidanza

02/12/2006: di Anna, 22 anni

Domanda

Ciao youngmail, sono una ragazza di 22 anni.
Il 15/11/06 ho avuto un rapporto non protetto ed ho un ritardo di 3 giorni. Non ho ancora avuto il coraggio di effettuare il test perchè ho tanta,ma davvero tanta paura che sia positivo...Nell'eventualità fossi incinta,posso rivolgermi al consultorio del mio paese,anche se sono maggiorenne? L'aborto dove verrà effettuato? Quanto dura? Dopo quanto tempo posso ritornare a casa? Grazie per l'attenzione!

Risposta

Carissima Anna, capisco che tu possa essere in ansia, ma non effettuare il test di gravidanza peggiora in ogni caso la situazione. Quindi, eseguilo quanto prima e se dovesse risultare positivo rivolgiti al più presto al consultorio familiare più vicino a casa tua. Troverai degli esperti che ti aiuteranno a riflettere sul da farsi...e ti spiegheranno nel dettaglio ogni possibilità. Ciao!

Youngmail

Ritardo...con cistite

13/11/2006: di danius22, 19 anni

Domanda

Cara youngmail, vi prego rispondete presto, xke sto in crisi la my raga ha avuto un problema d presunta cistite facendo sangue nelle urine nel frattempo l'abbiamo fatto e il preservativo ha colato un po alla base e nn sappiamo se lei era bagnata d sperma o d liquido suo ora ha un ritardo d 2 giorni...vorrei sapere alcune cose tipo la cistite puo causare ritardi d ciclo? il test d gravidanza quanto è sicuro e dopo quanto si deve fare? se è incinta lei è minorenne kome possiamo abbortire senza dirlo ai suoi?? grazie siete magnifici e nn è la prima volte ke vi kiedo qualkosa se nn c foste bisognerebbe inventarvi

Risposta

Caro danius22, lo sappiamo che desiderereste quanto prima una risposta, ma dobbiamo rispettare l'ordine di arrivo delle lettere e il servizio è attivo solo settimanalmente. Se 'spulci' nella rubrica troverai la risposta alla domanda che ci hai scritto il 9/11 e che ci riponi in questa lettera. Per quanto riguarda invece le nuove domande: il test di gravidanza si può effettuare alla mancata mestruazione o a 15 - 20 giorni dal rapporto a rischio. Quelli acquistati in farmacia sono molto attendibili. Se dovesse risultare positivo potete rivolgervi al Consultorio Familiare della zona dove abita la tua ragazza. Troverete degli operatori esperti che vi aiuteranno a valutare bene la situazione. Considera che se lei è minorenne, in linea generale è necessaria l'autorizzazione dei genitori in caso decidiate di procedere con l'interruzione di gravidanza. ...Direi che prima di fasciarsi la testa, cominciate intanto a fare il test di gravidanza. Ciao!

Youngmail

Youngmail

Scrivici