Youngmail è una rubrica interattiva tra giovani ed operatori esperti

È un servizio di consulenza gratuito on-line offerto
dai Consultori Familiari dell'ULSS di Vicenza

Come puoi vedere ci sono tanti argomenti di cui puoi parlare: sessualità, contraccezione, rapporti di coppia, con amici, con gli adulti intorno a te, problemi, dubbi o riflessioni personali,...
Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Speciale, diversa, adoleascente!

18/05/2009: di Dedè, 15 anni

Domanda

Ciao youngmail, sono nuova qui, però è da qualche tempo che leggo le lettere mandate al vostro sito, e è un po' che penso di scrivervi. Oggi è proprio il momento.
Ho quindici anni, anche se magari non li dimostro, e non ho un problema vero e proprio...vorrei solo parlare di pensieri che con i miei non mi va tanto di discutere...sia chiaro io con i miei genitori ho un rapporto bellissimo, ma non parliamo di argomenti come la sessualità per esempio.
Io a differenza della maggior parte delle mie compagne di classe oche, non rido per le stupidaggini sul sesso, i doppi sensi, non vedo peni in ogni oggetto, io credo che fare l' amore sia una cosa bella e naturale, ma da rispettare e poi è una cosa intima.
Oltre tutto non mi sentirei pronta a farlo se mai avessi un ragazzo che me lo chiedesse...non adesso. Non saprei assolutamente come comportarmi, avrei paura. È normale?
Mi sento grande per certe cose, e adulta e matura, ma non mi sentirei ancora pronta a fare l'amore. Per questo le mie compagne mi reputano strana, magari senza volere, e non lo fanno offensivamente, mi dicono che sembro una suora se non comincio a mettermi insieme a qualcuno, dato che sono stata solo con un ragazzo, e aggiungo io questo: siamo stati insieme pochissimo e non ci siamo mai neanche dati un bacio, quindi non era una vera esperienza di coppia.
Dicono anche che dovrei portare magliette più scollate che ho un bel seno, e che mi dovrei vestire diversa che sembro una bambina. Ma col cavolo! Io mi piaccio così, non voglio sembrare una...beh si è capito no? Non dovrei badarle lo so, dovrei dire qualcosa, io non cambio, è solo che in questi momenti non mi sento capita da loro. Voglio dire...mi rispettano e mi considerano tanto loro amica, ma quando mi danno questi consigli veramente io le detesto. Le trovo stupide quando si mettono insieme a un ragazzo tramite una richiesta sul cellulare. Io il cellulare non c'è l'ho per scelta mia, e mai vorrei che un ragazzo mi chiedesse di stare insieme mandandomi un messaggio. Mi dicono che sono troppo romantica...che se continuo così dove lo trovo un ragazzo? Io ogni tanto mi innamoro...ma per una cosa o per l'altra...beh non funziona mai. Adesso mi piace un ragazzo, intelligentissimo e sensibile, ma lo vedo pochissimo, ci sentiamo raramente...e è come se aspettassi di incontrare qualcuno che sappia stare con me (che sono un po' per conto mio, che viaggio con la mente, immagino, e a volte mi perdo la vita reale). Aspetto. Aspetto. Aspetto....
A volte non mi sembra di essere un'adolescente...

Risposta

Carissima Dedè, benvenuta in youngmail! Al contrario di quanto scrivi, la tua lettera mi sembra proprio "da adolescente". Forse non il tipo di adolescenza che stanno vivendo alcune tue compagne di classe, ma non c'è mica solo un modo di essere! E forse questa può essere la risposta da dare loro: che siamo fatti diversi, che quando sognamo, scegliamo, aspettiamo, ci buttiamo, amiamo non possiamo aspettarci di essere fatti in serie, come vorrebbero le pubblicità o i film. Ed è questo il bello di poter essere amiche: pensarla diverso rende interessanti gli scambi che altrimenti perderebbero di sapore e ricchezza!
Sono d'accordo con te nel ritenere che i rapporti vissuti in prima persona non sono la stessa cosa di quelli passati per cellulare o pc e che a volte la fretta di vivere oggi porta a bruciare le tappe perchè non si ascoltano i propri tempi, i propri ritmi. Non trovo niente di male nel riconoscere di non sentirsi ancora pronta a fare l'amore: hai tutto il tempo...e soprattutto, sentire che è il momento giusto ha a che fare non solo con sè, ma anche con il partner e con il rapporto che sentite di avere.
D'altro canto però questa attesa rischia di trasformarti un pò in una Cenerentola...e le favole non si sa mai come vanno a finire se le lasciamo andare! Intendo dire che non legarsi al primo ragazzo disponibile ma aspettare quello che ti sembra "giusto" per te è un'ottima cosa, se però - quando lo conosci - trovi il modo di metterci attivamente la tua parte...creare occasioni di incontro e conoscenza, telefonare tu per prima a volte, condividere qualche interesse. Altrimenti rischi di perdere l'occasione: magari la persona era quella giusta, il momento pure, ma....non hai fatto nulla aspettando fosse l'altro a muoversi per primo!
Magari finora non sei stata fortunata o corrisposta dalle persone che pensavi giuste per te o ti sei intimidita affidando all'altro il primo passo. In ogni caso, l'invito è a "buttarti" un pò di più, a modo tuo e rispettando le tue idee e valori...non sarebbe meglio cominciare a viverlo un pezzettino di sogno, anzichè continuare a fantasticarlo?
Un grossissimo in bocca al lupo!!

Youngmail

Vorrei una storia, ma...

06/11/2008: di mosca, 17 anni

Domanda

Ciao ym, sono ancora io... volevo ringraziarvi per il servizio che fate perchè è molto impo che qualcuno ci possa aiutare,ascoltarci.. arrivo al mio probema, io nel mio gr sono sempre quella attenta, che consiglia, l'affidabile, l'amica.. a volte vorrei poter anche io avere le mie prime esperienze sentimentali, vorrei avere un ragazzo.. perchè mi piacerebbe sentirmi amata, protetta e tutto ciò che comporta ad avere qualcuno.. uno dei miei problemi è che ho paura perchè appunto non ho mai avuto nessuno oppure se capita che qualcuno mi nota non ci credo, lo respingo anche se vorrei starci insieme ma credo sia per timidezza..io sono molto selettiva nei gusti nel riguardo dei ragazzi guardo solo un certo tipo.. vorrei avere un legame serio, duraturo ma non so come fare..
grazie un saluto

Risposta

Cara Mosca, quella di scegliere con attenzione il ragazzo con cui stare mi pare una bella 'filosofia di vita', anche in considerazione del fatto che non stai cercando un'avventura, ma una storia seria, duratura. Penso potrebbe esserti molto utile 'buttarti' un pò di più nelle amicizie al maschile. Questo da un lato ti permette di 'esercitarti' a vincere la timidezza con dei ragazzi che possono per te essere abbastanza neutri (nel senso che non essendone innamorata dovrebbe essere un pò più facile buttarsi), dall'altro ti può dare l'occasione di conoscere meglio anche ragazzi nuovi in una veste (quella di amici), che ti permette di capir meglio se potrebbero fare per te e di prendere confidenza gradualmente. Auguri!!

Youngmail

Differenza di età

06/06/2008: di Mile-92, 16 anni

Domanda

Ciao youngmail volevo porvi una domanda... È normale secondo voi volere o cercare un rapporto (storia) con una persona più grande? Non è la prima volta che mi capita due anni fa ho avuto una storia di un anno con una persona che aveva 20 anni piu di me e se ritornassi indietro lo rifarei! Da circa 5 mesi a questa parte mi piace una persona e glielo sto facendo capire in tutti i modi e alla fine ha capito tutto però lui dice di non essere d'accordo. Ditemi la vostra e come dovrei comportarmi...grazie del vostro aiuto aspetto con ansia una vostra risposta....

Risposta

Cara Mile-92, 20 anni in più alla tua età mi sembrano sinceramente tanti davvero! Un persona che va verso i 40 anni è in una fase di vita, con idee, esperienze, modi di vivere, obiettivi ben diversi da quelli di una ragazza che si affaccia ora alla vita adulta. Sembra quasi più la ricerca di un padre che di un fidanzato!! Anche perchè tu sei minorenne, per cui la relazione di un adulto con una minorenne può avere implicazioni difficili..e giustamente questa seconda volta il lui in questione manifesta perplessità. Nei tuoi panni penserei che forse il suo non essere d'accordo è una protezione per te, perchè con la testa più 'matura', alla luce di tante esperienze, è forse più facile ascoltare anche la parte razionale, oltre a quella istintiva. Forse per te può essere difficile capire il perchè, ma credo che a volte il 'va dove ti porta il cuore' possa essere fuorviante se uno prima non si chiede perchè il suo cuore tenderebbe lì e se è una direzione opportuna..insomma il cuore va un pò educato, per evitare che ci porti su una strada che sembra bella, ma che può terminare in un precipizio... Chiedi un consiglio: anche se forse non ti piacerà molto, ti direi di provare a guardarti attorno, di cercare un 'lui' che appartenga alla tua fase di vita, che possa vivere con te le tappe tipiche della tua età, le scoperte insieme, i divertimenti che hai il diritto di godere,... Avere un 'moroso' tanto più grande da non poterlo nemmeno chiamare ragazzo ti obbligherebbe a bruciare delle tappe, a fare la grande perdendoti un sacco di cose che stanno prima, o al contrario a dover fare la piccola di un partner - papà. In entrambi i casi alla lunga ti peserebbe.. Un abbraccio!

Youngmail

Perchè affezionarsi 'troppo' non è apprezzato?

03/06/2008: di LoLa*, 17 anni

Domanda

Ciao youngmail, so che rgazzi e ragazze hanno modi di pensare molto diversi tra loro, ma spesso non riesco a capire... io sono una ragzza molto sensibile e mi affeziono con grande facilità alle persone. quando conosco un ragazzo, anche se ci esco da poco ma con lui stò bene, mi affeziono quasi subito. ma questo sembra essere un problema per molti ragazzi!! non capisco perchè molti ragazzi si preoccupano quando una ragazza si affeziona molto a loro!?! stò uscendo con un ragazzo, mi ha detto che mi stò affezionando troppo a lui, troppo velocemente, eppure so che mi vuole bene, mi ha voluta per un sacco di tempo e ora che ho deciso di uscire con lui e che ho capito di starci davvero bene lui ha paura che mi affezioni troppo!!! perchè?? odio la mia ipersensibilità !!! piango molto facilmente ma non so cosa farci se quando voglio molto bene a qualcuno ho molta paura di perderlo!! vorrei che gli facesse piacere se a lui ci tengo così tanto, anche se non è molto che ci vediamo!

Risposta

Cara LoLa*, legarsi con affetto a qualcuno cui si vuol bene è una cosa bellissima...ma anche una grande responsabilità per quel qualcuno, perchè se ancora sta valutando la situazione, preferisce andare con i piedi di piombo o ritiene vi stiate conoscendo, può temere di farti star male e soffrire essendo che tu ti sei già 'buttata'. Insomma, se i 'tuoi tempi' x legarti sono veloci, mentre quelli dell'altra persona sono un pò più graduali, sentire che tu hai già scelto potrebbe farlo sentire un pò 'incastrato' in una decisione che sta ancora prendendo. D'altro canto, la tua ipersensibilità, combinata a questo legarti molto in fretta rischia davvero di farti soffrire...forse varrebbe la pena che questo dono bello di aprirti all'altro venisse un pò alla volta, cosicchè magari - essendo il rapporto un pò più consolidato - hai anche meno paura di perderlo..se invece nonostante il rapporto stabile dovessi continuare ad avere il timore di perdere l'altro, forse si tratta di una paura tua, che va al di là del rapporto con l'altro..in tal caso varrebbe la pena di ragionarci su per capire perchè c'è e da dove può esserti venuta.. Ciao!

Youngmail

Perchè non mi vuole nessuno???

10/04/2008: di titti, 17 anni

Domanda

Ciao youngmail! Volevo parlarle di un problema che mi si ripresenta continuamente negli ultimi tempi...ogni volta che riesco a trovare un ragazzo a cui apparentemente piaccio, dopo un po' che ci frequentiamo e io comincio ad affezzionarmi questo mi dice che non vuole una storia seria con me...non so più cosa fare, cosa inventarmi...tutti i ragazzi che trovo entro massimo un mese mi dicono che non se la sentono di affrontare una storia seria,che vogliono divertirsi..ma io ci rimango male,molto male.. Ho forse qualcosa che non va?sono proprio cosi' orribile che nessuno mi vuole?forse si..perchè è cosi' che mi vedo io.. Quando inizio una storia penso sempre 'questo è quello giusto, finalmente l' ho trovato!'e invece no..vengo sempre abbandonata..e ritorno nella solitudine, nella tristezza..io odio rimanere sola,non avere nessuno al mio fianco..questo mi fa concentrare su me stessa e io non voglio..e piango continuamente..non ce la faccio più! voglio mettere un punto a qusto mio ricercare infinito.aiutatemi,perfavore!

Risposta

Cara Titti, io non credo non ti voglia nessuno...se così fossi non troveresti ragazzi che, anche se per poco, stanno con te... Forse il problema potrebbe essere che tu desideri una storia seria, impegnata, cosa che i maschietti più o meno coetanei più raramente desiderano, a volte per un diverso livello di maturità, altre volte perchè il desiderio prevalente è quello di fare più esperienze. Se, dopo un pochino che stai con un ragazzo, tu gli fai capire che vorresti una storia seria è possibile che lui si spaventi e 'scappi', sentendosi incastrato. Che fare, allora? Rinunciare ad una storia seria? No...se è questo che desideri non devi arrenderti. Si tratta da un lato di trovare un ragazzo che abbia le tue stesse intenzioni, dall'altro di mettersi in un'ottica più graduale. Intendo dire che, pur partendo dal presupposto di iniziare una storia impegnata, quando conosci e ti metti con un ragazzo non sai ancora se lui può essere quello 'giusto'. Allora forse puoi porti come obiettivo di stare a vedere per un pò, prima di sbilanciarti nella convinzione che questa è la storia giusta..tu ti darai un pò di tempo prima di riporre tante aspettative e questo ti aiuterà a soffrire un pò meno se poi non va, e il lui della situazione non si sentirà 'incastrato' troppo presto e avrà il tempo di conoscerti, apprezzarti, affezionarsi, arrivando magari anche lui un pò alla volta a desiderare una storia più impegnata. Ripeto che molto dipende anche dal genere di ragazzi che scegli! Un'ultima cosa: essere in coppia è bello, fa star bene, può aumentare l'autostima, ma non può sostituire il rapporto che abbiamo con noi stessi. Quello sì che è un rapporto duraturo per cui vale davvero la pena coltivarlo, in modo che sia buono. Che sto cercando di dirti? Impara anche a stare con te stessa e ad apprezzarti per quello che sei: non sarai perfetta, ma avrai delle cose belle anche tu, no? Ciao!

Youngmail

Scegliere il ragazzo giusto

10/04/2008: di titti, 17 anni

Domanda

Ciao youngmail! Volevo un consiglio...il ragazzo con cui più o meno mi frequentavo adesso si sente con un'altra ragazza...lui non sa che sono venuta a saperlo.. è da lunedi' di pasquetta che non si fa più sentire e non l ho più visto in giro... sembra che mi eviti! I miei amici mi dicono che lui mi vuole molto bene ma che x adesso non vuole nessuna storia seria...già dall inizio (cioè più di 2 mesi fa) lui mi aveva detto che vuole solo divertirsi...e infatti mi aveva già "tradita" con una delle mie migliori amiche..ma io cocciuta e parecchio sciocca credo che lui mi voglia bene o che comunque me ne vorrà!ma so che questo è impossibile...anche i miei amici mi dicono che è impossibile che lui si possa innamorare di me...e lo so...di me nessuno si è mai innamorato...comunque questo ragazzo ha 20 anni e si è mollato da pochi mesi con la sua ragazza,con cui ci è stato 2 anni e spesso mi diceva che gli mancava...si sono lasciati perchè lei ha tradito lui...e io sto davvero male...tanto male!cosa devo fare per conquistarlo?come si fa?per lui tempo fa ho detto no a un ragazzo che mi voleva davvero bene...ma sul serio...e adesso questo neanche mi guarda più in faccia...e mi ha detto che credeva fossi più grande di testa...lui ha 21 anni...ha detto che sono'piccola dentro'...io continuo a ripensare a lui...mi manca...ma adesso si è fatto risentire il mio ex di quest estate!mi piace ancora,ma non so che fare!perchè è un tipo che se ne frega,si fa vedere un giorno si e poi due mesi no...ha detto che adesso vorrebbe riprovarci,ma stavolta seriamente...ma come faccio a crederci??? sono completamente in PANICO!!!!aiutatemi e grazie!

Risposta

Cara Titti, quanta confusione!! Se segui i ragazzi che vanno e vengono, che si dichiarano e poi spariscono o ti tradiscono credo non possa che girarti la testa...forse dovresti fermarti un attimo e chiederti chi e cosa vuoi tu... Cercare di stare con il ragazzo che pare darti più garanzie non è detto sia una mossa vincente..le parole non sempre corrispondono ai fatti e d'altro canto non puoi saperlo se prima non provi. Nè mi pare vincente stare o rincorrere un ragazzo che ti tradisce: non pensi di meritare uno che sta con te perchè vuole stare solo con te da subito? Non puoi metterti in attesa di cambiamenti ('il giorno in cui si innamorerà per davvero') che non sai se avverranno o meno perchè così 'ipotechi' il tuo presente per un futuro che non sai. Allora, comincia col mettere delle cose per te fondamentali perchè un ragazzo possa stare insieme a te (la fedeltà, ad esempio); poi chiediti chi tra i tre (li ho contati giusti?) ragazzi che ti girano intorno è quello che più ti attrae o che più si avvicina alle cose che desideri e in cui credi tu. Su alcune cose dovrai probabilmente trovare dei compromessi e correre qualche rischio 'sentimentale', ma ricorda che meno temi stare da sola, più avrai la forza di non accettare per forza tutto (tradimenti, prese in giro, tira e molla), più sarai rispettata. È solo la mia opinione, ma una ragazza non andrebbe scelta perchè è disponibile e accetta tutto. Rispettarsi e farsi rispettare può sembrare impopolare, ma alla lunga paga...anche rispetto alla considerazione di te stessa che ne ricavi! In bocca al lupo!

Youngmail

Vorrei una storia con lui...ma

07/04/2008: di hola, 16 anni

Domanda

Cara youngmail, mi piace un sacco un ragazzo ma come faccio a farglielo capire? io nn credo d interessare a lui ma è sempre nella mia mente da tempo cerco qlc k m possa stare accanto un appoggio spesso piango x qst xk m sento tra virgolette sola. ttt intorno a me hanno qlc cn cui potersi confrontare s o tnt amici ma spesso nn bastano solo loro... ho sempre affrontato ttt da sola creandomi mie idee una mia personalità ma c'e una parte vuota d me.. la mia scorsa storia cercavo qst ma o sbagiato nn era la xsn giusta.. e qnd si è allontanato o sofferto cm soffro ora.. un sacco nn so cm fronteggiare ttt qst..

Risposta

Carissima Hola, benvenuta nella rubrica! Non è una situazione facile: dare dei segnali a questo ragazzo non è in fondo così complicato...uno sguardo un pò più lungo, una battuta, un complimento...il punto è che non sai se lui ti corrisponde, nè - mi sembra di capire dalla tua lettera - lo conosci così bene da poter dire se è davvero la 'persona giusta' che stai cercando...anche se ne sei innamorata. Forse prima di scoprirti sui tuoi sentimenti varrebbe la pena capire un pò di più lui: conoscerlo meglio, vedere se tu gli puoi interessare.
Altrimenti corri il rischio che pensandolo tanto ma conoscendolo relativamente poco, tu possa idealizzarlo, cioè vederlo un pò come un principe azzurro che magari nella realtà non è...
Nella tua lettera non dici nè come l'hai conosciuto, nè se hai la possibilità di frequentarlo a scuola o in compagnia..se così fosse l'ideale sarebbe una conoscenza graduale. Anche in considerazione del fatto che hai già sofferto per amore, mi sembrerebbe utile che imparassi a proteggerti, dichiarandoti solo se pensi di avere qualche chance..
I rapporti di coppia sono davvero una bella esperienza quando vanno bene, ma non dimenticare che non è giusto che diventino una stampella. Un moroso - magari quello ok per te - potrà farti sorridere, arrabbiare, farti sentire amata e tutto il resto, ma sta a te imparare anche a star bene con te stessa..
In bocca al lupo!! Ciao!

Youngmail

Mi sento sola: ho bisogno d'aiuto

30/04/2007: di Clo, 17 anni

Domanda

Ciao youngmail, sono una ragazza di 17 anni ed è la seconda volta che vi scrivo. Mi avete dato preziosi consigli quest'estate ed ora che non so a chi rivolgermi spero che facciate altrettanto. Da quattro mesi io e il mio ragazzo ci siamo lasciati. Stavamo insieme da tre anni ma negli ultimi tempi avevamo problemi, lui lavorava lontano e non ci vedevamo mai, eravamo troppo distanti. Io all'inizio di gennaio ho conosciuto un altro ragazzo per cui mi sono presa una bella cotta: era l'opposto del mio fidanzato, proprio quello che cercavo; era intelligente, simpatico, bellissimo. Così io e il mio ragazzo ci siamo lasciati di comune accordo, senza troppi rimpianti. Ma lui dopo pochi giorni è tornato indietro dicendo che non poteva stare senza di me: io l'ho rifiutato perchè ero troppo presa dalla nuova conoscenza. Ho iniziato a frequentare l'altro ragazzo ed ero al settimo cielo: finalmente ero riuscita a liberarmi del mio ex, con cui veramente avevo passato momenti bruttissimi, e avevo scoperto la passione. Ma alla fine di gennaio lui mi molla per vari motivi e qui inizia la mia depressione. Inutile dire che ho cercato di contattare il mio ex, di tornare insieme a lui, perchè mi sento troppo sola ma ormai lui sta insieme ad un'altra e io non so che fare: mi sono resa conto di aver commesso uno sbaglio, perchè io prima, anche se era un rapporto difficile, stavo bene, ero serena, mentre adesso nulla ha più senso. Non dovevo lasciar perdere una persona importante per qualcosa di passeggero, perchè sapevo che sarebbe andata a finire così. Sto malissimo, vado male a scuola, non mangio, piango continuamente, la mattina non ho voglia di alzarmi dal letto. Vorrei andare da uno psicologo, per parlare di tutti i miei problemi, per capire che cosa mi sta succedendo e superare questo periodo bruttissimo ma non so come dirlo a mia madre. Lei vede che sto male, una domenica ho anche preso 10 tachipirine e 2 buscopan, un po' perchè volevo suicidarmi, un po' per farle capire in qualche modo come mi sento, in modo che cerchi di aiutarmi ma lei non ha fatto niente. Mi ha solo detto di non farlo mai più. Dove posso trovare aiuto in queste condizioni? Non ce la faccio da sola...

Risposta

Cara Clo, anzitutto smetti di rimproverarti: hai fatto una scelta..non è andata come speravi quando hai scelto, ma tu non potevi saperlo in anticipo. Hai cercato di fare ciò che in quel momento ti sembrava meglio. E tutto sommato ti sei comportata correttamente: hai seguito il cuore, non prendendo in giro l'ex. Hai vissuto una nuova storia, breve ma appassionante...quindi non desiderare tornare indietro. Di sicuro, fra qualche anno guardandoti indietro avrai dei bei ricordi a cui ripensare e ti potrai dire "Io ci ho provato!", anzichè restare a domandarti "E se ci avessi provato?" Certo, ora sei sola e questo è molto pesante..ma prova a chiarirti: ti manca il tuo ex e pensi che fosse l'uomo della tua vita o ti senti sola e vorresti qualcuno accanto che sai non ti mollerebbe? Chiudere una storia spesso comporta avere un pò di sofferenza. Se si resta in solitudine la sofferenza si sente di più, ma quando poi ci si rimette (e anche se ti sembra impossibile primo o poi succede), si è più forti, più maturi...dalla tua, hai anche i tuoi 17 anni: pensa quante altre occasioni potrai avere. Non pensare che il bello sia già passato e perso..pensa che il bello arriverà...ancora. Vedrai, ti innamorerai di nuovo con l'entusiasmo e la passione di cui sei capace. Magari non capiterà oggi o domani..e credo che faticherà a capitare mentre stai nella tua stanza a piangere, ma capiterà: quando meno te lo aspetti, magari in una circostanza del tutto inattesa ci sarà qualcuno che guarderà proprio te..e perchè succeda devi provare ad uscire, a stare con gli altri, a far passare il tempo necessario perchè le ferite si rimarginino e tu abbia di nuovo voglia di guardarti in giro. Se senti che queste ferite sono così profonde che non riesci a 'rimarginarle' da sola, e vuoi provare ad avere una consulenza psicologica, puoi provare a contattare il consultorio familiare della tua zona e chiedere un appuntamento con lo psicologo. Penso possa esserti utile... Coraggio! Ciao!

Youngmail

Mi piacerebbe una storia con lui, ma tira indietro...

05/03/2007: di aleska, 29 anni

Domanda

Carissima youngmail, grazie per il supporto che date a giovani e meno giovani, nel risolvere problemi o comunque nel poter sentire una voce imparziale e razionle.
Vi ho scritto ancora e mi avete saputo indirizzare per il meglio. Grazie mille!
Oggi però ho un altro problema.
Ho ventinove anni e me li porto piuttosto bene (per fortuna!), credo di essere rimasta intrappolata nel più infame dei sentimenti. Mi sono innamorata.
Samuel, ha venticinque anni e non ha mai avuto una fidanzata o una ragazza... ah si un l'ha avuta quando aveva diciassette anni ed è durata perché tutti i suoi amici avevano la morosa di quella compagnia di ragazze e così anche lui se n'è "presa" una... (fa un po' tristezza ma è così...), uno per uno cominciano a lasciare la morosa, così la favola finisce.
Samuel è una persona che non farebbe mai un torto a nessuno, è altruista, è simpatico, anzi è proprio da ridere, è intelligente, forse è un po' burbero e sicuramente una persona chiusa.
Nella sua compagnia sono praticamente tutti coetanei e col passare del tempo tutti cominciano a trovarsi rispettive morose e morosi, mentre Samuel non è nemmeno alla ricerca di una persona da amare. Sappiamo tutti benissimo cosa succede agli amici che si trovano la morosa; cioè, cominciano a sparire piano piano. Solo uno rimane al fianco di Samuel ed è il suo migliore amico Stefano, che pur avendo la morosa da anni, riesce sempre a trovare tempo per lui; il suo amicone. Capita però che una notte piovosa del 2004 Stefano rincasando dopo aver accompagnato a casa la morosa ha un incidente in macchina. Stefano muore. Per Samuel è il mondo che gli crolla addosso. Gli altri della compagnia ormai sciolta sono convinti che Samuel sia davvero il più forte tra gli amici così cominciano a piangergli addosso come se lui fosse il muro del pianto, mentre lui si tiene tutto dentro e consola gli altri. Chiaramente non è un riavvicinamento della vecchia compagnia ma Samuel una sera incontra al solito bar il Marco e la Monica, facenti parte della vecchia compagnia. Samuel guarda Marco e gli dice:"perché non ti fai vedere in giro più spesso, dai che ci vediamo, ci beviamo qualcosa e facciamo quattro chiacchiere..."
Marco senza esitazione risponde:"ma guardati... sei solo! Solo come un cane! Trovati una morosa và facci un favore a tutti!" e se ne va... è da premettere comunque che Marco è un pochetto insopportabile , ed è un pensiero comune... però sono frasi che toccano soprattutto dette nel mezzo di un locale dove tutti ti conoscono.
Così Samuel si chiude ancora di più...
Intendiamoci, Samuel non è solo solo, ha cugini, ha un fratello di un anno meno di lui con cui va abbastanza d'accordo ma non è che si confidino più di tanto, ha una sorella con cui non parla da diversi anni e un altro fratellino piccolo... ...è che Samuel non ha più una compagnia fissa ormai e nemmeno gli interessa averla visti i trascorsi, così gironzola anche da solo o con compagnie occasionali.
Io arrivo molto tempo dopo... arrivo a dicembre 2005 causa un'amica che vive lì e mi porta nel loro paese. Conosco Samuel una delle prime sere che sono lì, ma non è loquace anzi è proprio silenzioso, non è asociale perché comunque con i conoscenti ci passa le serate ci parla insomma, la vita sociale ce l'ha, ma non sono i suoi amici...
Sta di fatto comunque che neanche io gli do subito confidenza, anzi, passano sei mesi prima che riusciamo a fare la nostra prima chiacchierata, anche perché ero impegnata ad avere una storia amorosa con un ragazzo di lì molto più giovane di me e che lui conosce... ... parlandoci così in un pomeriggio di sole del giugno 2006, scopro che è una persona squisita e forse un po' timida e non racconta mai niente dei suoi sentimenti. Infatti in un primo momento tutte queste informazioni le ho raccolte da persone che lo conoscono piuttosto bene e comunque poi me ne ha parlato pure lui... Capita che dopo un paio di settimane mi domanda il numero di telefono, ma non mi chiama mai, neanche un messaggio, niente... però cominciamo a formare una piccola compagnia e per incontrarci ci diciamo solo "allora ci vediamo domani..." mi abbraccia di continuo e si sente che ha bisogno di affetto... è dalla sera di ferragosto, dopo una cena a casa di un amico ritornato dalla delusione d'amore, che Samuel mi manda il primo messaggino sul telefono; mi scrive solo "buonanotte". Tutto va avanti così, ogni volta che facciamo serata assieme mentre rincaso, mi arriva il messaggino della buonanotte.... fino a che un venerdì sera non riusciamo ad incontrarci per quasi tutta la serata scopro dove si trova e lo raggiungo con tutta la compagnia, dopo poco lo abbraccio e gli dico che mi è mancato tanto, la sera seguente, si lascia andare, mi abbraccia e mi bacia... da quella sera parte una storia singolare, perché stiamo sempre insieme; pomeriggi e serate intere. Capita spesso che quando rimaniamo da soli, quando la serata è finita lui mi bacia di continuo mi abbraccia, cerca coccole e poi la sera dopo è freddo e distaccato... una sera non riesce a trattenersi e scoppia a piangere parlandomi dello Stefano e mi dice anche che se lui ci fosse ancora io starei con Stefano e non con lui... passiamo molte sere a parlare... mi racconta praticamente tutto della sua vita e di come si sente. Certamente abbiamo una gran confidenza...
Poi una sera io non reggo più e gli dico che mi piace lui mi risponde che vuole che rimaniamo solo amici ma intanto continua a baciarmi e abbracciarmi... gli ho chiesto di fare l'amore con me, ma non vuole... non si lascia nemmeno toccare tra le cosce; ho pensato che fosse `paura da prestazione' dopotutto sono più grande di lui e certamente con una buona esperienza... o magari non gli funziona qualcosa ... dice sempre che mi vuole un bene dell'anima e poi si finisce sempre a baciarsi, ma senza mai concludere e poi dice di rimanere amici... io credo che sia bloccato psicologicamente... ma non so più cosa fare... mi vuole accanto a lui... dice che gli piaccio tantissimo e mi cerca ... ed è pure geloso quando conosco o parlo con qualcuno conosciuto da poco, naturalmente non fa scenate; si limita a scrutare ogni mossa meticolosamente. Dice che non vuole andare avanti perché ha paura... paura di mettersi in gioco? Paura di farsi male, di fare male a me, a lui? Quando gli chiedo il perché non vuole fare l'amore con me, dice solo ;"perché no!"
E poi arriva con la sparata che vuole che siamo amici e basta ... e io gliel'ho detto... amici così!?!
Gli ho detto che si, sono prima di tutto un'amica ma sento anche qualcosa di più...
Cosa devo fare!!!!! Un consiglio spassionato e magari se avete tempo e voglia un bel profilo psicologico del Samuel che magari ci capisco qualcosa...
Un abbraccio
Grazie

Risposta

Cara Aleska, non è possibile fare un profilo di Samuel..non è corretto verso di lui, nè tanto meno è possibile definire una persona a partire dalla descrizione di una terza: quel che tu ci racconti è il tuo punto di vista, non è detto che Samuel si percepisca così! Comunque stiano le cose fra voi, mi pare che ormai la situazione stia andando avanti da un pò e tu hai il diritto di sapere se sperare o no in una storia. E l'unico modo è chiedere chiarezza a lui. Noi, come te, non possiamo sapere cosa gli passi per la testa: ha paura di perdere chi ama come è successo con Stefano? Può darsi. Teme i legami di coppia o la sessualità? È possibile. Non riesce ad accettare una vicinanza maggiore di così? ..Tutto può essere, ma non so nemmeno quanto lui sappia perchè sta "tirando il freno". È possibile che abbia delle sensazioni, senza capirne appieno le ragioni, oppure sa perchè sta dicendo no ma non vuole parlarne. In ogni caso, ripeto, hai diritto ad una chiarezza su voi due. Se siete solo amici, niente più baci e contatti fisici...certo, magari così rischi che si chiude, ma sei disposta ad andare avanti in questo limbo? Oppure, visto che dici che lui non farebbe soffrire nessuno, potresti fargli capire che questa ambiguità ti fa stare male, che hai bisogno di capire dove state andando e che tipo di rapporto è per lui quello che state vivendo. Almeno potresti puntare a capire se il suo "no" è un "non ancora" o un "no e basta"...penso ti aiuterebbe a regolarti. E questo non può che chiarirtelo Samuel stesso. In bocca al lupo! Ciao!

Youngmail

Sogno un amore romantico

02/03/2007:lettera non firmata, 19 anni

Domanda

Salve!! ti racconto tutta la mia storia così potrai capire bene come mi sento. Stavo da due anni con un ragazzo,ci siamo lasciati circa una settimana fa perchè io ho in mente troppe cose e tra queste quella cosa che mi frulla di più in testa è quella di cambiare,Cambiare gente,città,vita e di conseguenza fare nascere nuovi sentimenti! Ultimamente litigavamo sempre a causa dei problemi dei suoi genitori,che credo molto immaturi,lavora solo il padre e la madre sta a casa a fare da schiava alla figlia di 16 anni! lui ha un giubbotto regalatogli dai miei 1 anno fa,lei invece ogni settimana ha un giubbotto nuovo!! Il padre non fa un lavoro ben pagato,anzi forse se arriva a uno stipendio di 700 euro è troppO! e il mio "ex" per tutti questi problemi che hanno, scarica tutta la sua angoscia e rabbia su di me,io provo ad ascoltarlo ma non sopporto il fatto che lui debba stare male per i problemi che si creano tra i due genitori! alla fine sono sempre problemi che devono risolvere i suoi,non lui. TOrniamo a me, ho letto il libro "HO VOGLIA DI TE" , e mi ha completamente scossa,perchè quello che c'è scritto in quel libro è sempre stato il mio sogno,Gin che incontra step,sarà infantile,ma sono due settimane che penso e ripenso a quelle parole,è un chiodo fisso ormai,poi ho visto che hanno fatto il film,ho scaricato il trailer e mi sono messa a piangere,e tutt'ora lo faccio,sarà per il bel ragazzo, ma io desidero tanto una storia così.invece di crescere sto tornando indietro,perchè mi sta succedendo questo? sto veramente male. grazie mille per la risposta.un bacio grande!!

Risposta

Cara amica, sognare l'amore ideale è una cosa che facciamo un pò tutti, in modo particolare in alcuni momenti della nostra vita. Non c'è niente di male, anzi, è una dimensione che ci fa stare bene per un pò. Fatto è che difficilmente gli amori della nostra vita si realizzano così come noi li immaginiamo o li vediamo in un film. I libri o i film a volte tendono a catturare i momenti o gli aspetti migliori dell'amore (che di solito sono una parte delle storie reali) e a riproporli in dose XL, cioè mostrandoci storie in cui proprio quegli aspetti più belli sono preponderanti...per quello vendono tante copie, per quello andiamo ai cinema d'amore, per sognare ad occhi aperti ciò che vorremmo vivere, per sentirci raccontare delle storie più belle della nostra realtà. Cosa ci si può augurare allora per la propria realtà? Una dose (se siamo fortunati una M) di quelle cose belle, accanto anche a difficoltà, incomprensioni, differenze di idee e punti di vista.. Hai chiuso una storia che di complicazioni ne aveva e ora speri in una storia migliore, che dentro di te si raffigura come quella del libro "Ho voglia di te". È bello nutrire sogni, ma è importante sempre sapere che quel che si potrà trovare è al più una parte di quello..e che si deve essere anche disposti a sacrifici e a vivere la quotidianità in un rapporto... Andare a cercare sempre il nuovo per emozionarsi rischia di diventare una corsa senza capolinea alla ricerca di continue sensazioni, senza riuscire ad assaporare anche le cose che già hai..credi, anche quelle hanno "un sapore", se lo ascolti con pazienza, senza voler subito scappare ad altro, prova! Auguri!!

Youngmail

Nessun Legame

03/01/2007: di nunzia, 23 anni

Domanda

Ciao youngmail, io vorrei capire una cosa... perchè non esistono + i ragazzi seri??? ti faccio questa domanda perchè mi sono accorta che più si va avanti e più la gente non ha voglia di legarsi a nessuno... mi sono lasciata da un ragazzo a luglio con cui sono stata 2 anni... da luglio ad oggi ho avuto 2 storielle con 2 ragazzi... e con nessuno dei 2 è uscito fuori niente!!! l'ultimo mi ha piantata ieri sera dicendo che non vuole legami, che non se la sente di continuare così (ci si vedeva una o al max due volte a settimana ultimamente!!!), che pensava che fossi diversa etc etc... secondo me sono tutte scuse... si è divertito un po' e adesso ne ha trovata un'altra con cui divertirsi... ke devo pensare? un bacione...

Risposta

Cara Nunzia, a 23 anni è possibile imbattersi in persone (e non so se farei distinzione di sesso) che sono ancora in una fase di vita in cui desiderano fare esperienze poco vincolanti: tante esperienze con poco investimento nel rapporto. Per qualcuno questo diventa uno stile di vita, per i più (almeno spero) un periodo in cui la libertà consente di sperimentare per poi fare scelte più impegnate. È anche vero che la cultura in cui viviamo spesso non facilita questo passaggio di maturazione, così che il risultato può essere un impegno 'a singhiozzo': mi coinvolgo in una storia, ma lascio la porta 'di servizio' aperta... Lo capisco, è dura per te che avresti voglia di un rapporto più duraturo, più stabile, in cui si costruiscono legami che crescono nel tempo. Credo che prima o poi troverai una persona che condivide questo tuo modo di vedere le cose..con la pazienza e cercando nei contesti giusti...e forse un pò prestando attenzione a come ti poni: cosa proponi all'inizio di un rapporto? Emerge il fatto che sei alla ricerca di qualcosa di più serio di un'avventura? A volte esplicitarlo ci protegge dall'iniziare storie destinate a ferirci... Ti faccio un grosso grossissimo in bocca al lupo. Ciao!

Youngmail

Vorrei uscire ma non lo conosco: come faccio?

20/11/2006: di sfiduciata, 23 anni

Domanda

Ciao youngmail, anche io non ho molti amici e mi è capitato di conoscere un ragazzo un pò più grande di me. Ci siamo scambiati il numero e ora lui mi ha chiesto di uscire insieme una di queste sere, magari insieme ad altri visto che non ci conosciamo e io starei più tranquilla. Mi ha detto che lui porterebbe un suo amico e mi ha chiesto di portare un'amica. Ora io mi chiedo: come faccio a fidarmi? Se io e una mia amica usciamo con loro poi dovrebbero accompagnarci a casa e io non so se posso fidarmi o se poi si rivelano che so due assassini! Il ragazzo che ho conosciuto è un poliziotto ma non mi basta per fidarmi, che devo fare? Non posso neanche dirgli usciamo in gruppo perchè io non esco con nessuno, mi vergognavo troppo a dirgli che non ho amici e che non esco mai.

Risposta

Cara Sfiduciata: forse come primo appuntamento (brava ad aver pensato ad un'uscita in 4!) potreste uscire di pomeriggio (tipo sabato e domenica) e muovervi a piedi. Oppure potresti portare con te un'amica che ha la patente e dire che preferite viaggiare per conto vostro. In questo caso forse è comunque consigliabile, come prime volte, trovarvi in un luogo frequentato, tipo in centro o in un centro commerciale...Se non ti senti sicura o senti che loro tendono ad 'accorciare troppo velocemente le distanze' o a farlo senza che tu lo desideri, meglio che non dai troppa corda...c'è sempre tempo per dare confidenza ed è bene farlo solo se senti che le persone con cui stai non se ne approfitteranno. La stessa cosa vale per l'abbigliamento che sceglierai. Se sei tipo da 'mini' meglio che la sfoggi quando conosci un pò meglio chi hai di fronte e le sue intenzioni. Se per qualsiasi motivo hai dei dubbi è sempre bene che dici a qualcuno (tipo ai tuoi genitori) con chi esci e dove andrete, lasciando magari anche il numero di lui. Secondo me così puoi essere più sicura, che dici? In bocca al lupo!

Youngmail

Trovare l'amore

01/11/2006: di gio gio, 29 anni

Domanda

Ciao sono gio gio ho letto la vostra risposta alla mia domanda del 01/10/2006 e volevo ringraziarvi e dirvi che alla fine la "storia" con Luca non è andata da nessuna parte...ma va bene così.Ora non ci sentiamo neanche più,l'ultima volta che gli ho mandato un mes era per capire cosa voleva fare e sono stata molto cattiva ma lui stavolta non mi ha chiamato,mi ha risposto sì ma non mi ha chiamato quindi non c'è stato neanche modo di chiarire.Comunque lui mi ha scritto che è molto più impegnato di prima e non ha molto tempo cosa che quando ho letto ciò non ciò più visto!Perchè ste cose con me non attacano!Nel senso che se una persona a te ci tiene trova modo e tempo di cercarti anche solo per pochi minuti,e lo so per esperienza.Sono due anni che non sto passando un bel periodo e l'ultima esperienza che ho vissuto (non con un ragazzo) ma qualcosa di più serio,mi ha segnato tantissimo....stavo e sto male ancora nonostante siano passati ormai quasi due anni;questo per dire che nonostante il mio dolore il tempo per chi mi stava e sta a cuore lo trovo sempre,nonostante non sia emotivamente tranquilla il che diventa difficile aiutare o ascoltare qualcuno quando ha bisogno ma io ci sono e cero sempre.Quindi quando Luca mi ha detto che era molto impegnato e non aveva il tempo neanche per mandarmi un mes...bè ho pensato bene di dirgli che quando mi vede in giro di fare finta di non conoscermi.So che può sembrare esagerata una cosa così,visto che tra me e lui non c'è stato quasi niente e che non è stato promesso nulla,ma ripeto quando ti capitano certe cose che ti segnano per la vita,capisci che non hai tempo da perdere a dietro a qualcuno che non sa cosa vuole.Il tempo c'è e ci sarà sempre ma è la vita che sembra lunga ma alla fine non sai quanta te ne può rimanere per concederti il tempo e la pazienza di aspettare.Quando gli ho scritto quel mes sapevo a quello che andavo incontro ma ho voluto rischiare....almeno mi toglievo dalla testa i dubbi che mi ha fatto venire lui,mi dispiace che sia andata così e mi dispiace ancora di più perchè lui non sa il motivo di quella mia reazione...se lo sapesse forse capirebbe...ma mi sa che non lo saprà mai.Va bè pazienza, vi saluto e grazie ancora per il vostro consiglio.Ciao baci baci

Risposta

Cara Gio Gio, ci dispiace per la tua 'storia' con Luca. Ma meglio aver avuto un chiarimento e sapere che è necessario cercare altrove, guardare avanti,...la chiarezza a volte porta conseguenze dolorose, ma come dici tu, la sofferenza spesso porta anche a crescere, a diventare persone più sensibili, a dare delle priorità e a fare delle scelte nella vita. Ti auguro di trovare presto qualcuno che ti voglia bene per davvero...e con cui potrai provare anche la gioia! Ciao!

Youngmail

Come si fa a decidere...

19/10/2006: di saretta, 26 anni

Domanda

Ciao a tutti...sono in una situazione di confusione totale, mi fa stare molto male perche nn so nemmeno io cosa voglio!!!Dunque ho il ragazzo da 3anni lo sto tradendo da 8mesi il fatto è che per me nn è la classica sbandata ma ci tengo veramente a questo"amante"..pero' dall'altra parte ho paura di perdere il mio ragazzo...ora è da 3 settimane che siamo in "pausa"e lui giustamente si sta stancando vuole una decisione..la cosa strana è che quando penso di perderlo ci sto male quando invece vedo che vorrebbe tornare nn ho reazioni!!!mi ha chiesto di riprovarci ma nn so cosa fare perche' nn so cosa provo..penso che tornando con lui dovro' staccarmi dall'amante e nn so se tornera' come prima la storia!!!sono consapevole che una storia con l'amante nn potra' essere alla luce del sole per un bel po' dal momento che abitiamo tutti vicini quindi nn so se ne varra' la pena..aiuto nn so proprio cosa fare!!!!!!ho paura di perdere entrambi..che problema..che sia solo affetto per il mio moroso o no???boh...

Risposta

Cara Saretta, non possiamo essere noi a dirti come decidere, perchè non possiamo capire cosa tu desideri davvero. Solo tu puoi avere 'accesso' al tuo cuore e un pò alla volta fare chiarezza. Se non sei sicura di tornare con il tuo lui, perchè non provi ad allontanarti e a vedere che succede. Intendo dire, non vedervi e non sentirvi per un pò, immaginare la storia chiusa anzichè sospesa, ma 'a portata di mano'. Forse il vivere per un pochino la situazione che cerchi di immaginare ti può aiutare. Non cadere nella trappola di farti guidare nella decisione dalla paura di star sola. Non si sta con un partner per evitare la solitudine, ci si sta perchè lo si ama tanto da sceglierlo in modo esclusivo. Se è questo che senti per quello che chiami 'l'amante', non dovrebbe scoraggiarti l'attesa. Auguri!!

Youngmail

Che significa questo comportamento?

01/10/2006: di gio gio, 29 anni

Domanda

Ciao mi chiamo gio e ho una domanda che mi gira in testa e non so dargli una risposta...ma non solo io anche le mie amiche non sanno rispondere,quindi vorrei sapere se riuscite voi.Dunque ho conosciuto Luca un mese fa al mare ad una festa,io ero con le mie amiche e lui con i suoi ad un addio al celibato.Io e le ragazze ci stavamo divertento quando ad un certo punto abbiamo conosciuto questi ragazzi,avevano al collo un biglietto con su scritto il bonus di un bacio e io e altre tre glielo abbiamo dato,poi noi abbiamo continuato a divertirci e andare per i fatti nostri poi quando tornavamo nel solito posto sono ricomparsi loro e questo Luca mi ha fatto il filo tutta sera e per due ore abbiamo parlato,ci siamo baciati e mi ha chiesto il numero.Io non glielo volevo dare ma ha talmente tanto insistito che ho ceduto.Dopo di che le mie amiche e i suoi amici dopo la festa sono andati a ballare io ero troppo stanca quindi sono andata in tenda e Luca è venuto con me ma non è successo niente,anche perchè gli ho messo subito le cose in chiaro,e fin qui tutto bene.Ci siamo sentiti nei giorni seguenti e siamo usciti insieme e anche lì non è successo niente a parte un bacio,ma va bene così,voglio fare le cose con calma. Il problema è:lui mi ha detto che non ha intenzioni in particolari per ora,allora mi chiedo,perchè ha voluto il mio numero se non ha intenzioni di fare niente??? Ho 29 anni e so che quando qualcuno ti chiede il numero o è una cosa o è un'altra un motivo c'è! Perchè lui allora l'ha voluto e non vuole fare nulla?!? Vuole un'amica un più? Non credo! Penso che non c'è un'amicizia se tra due persone c'è stato un bacio (può capitare in discoteca questo sì) ma che lui quando ci siamo conosciuti è stato con me e con noi tutta sera ed era lui che veniva sempre da me e per due ore mi stressato per avere il mio numero, non ci credo che voleva un'amica in più! Sapete darmi una risposta? Io non ci sto capendo più niente! A volte nei mesi e nelle chiamate sembra che non voglia perdermi quindi quando pensa che sono arrabbiata con lui si fa sentire altrimenti niente. È stato sincero e mi ha portato rispetto e questo mi fa piacere ma mi da fastidio il fatto che non riesco a capire cosa vuole! Vorrei parlarne a lui di questo ma ha sempre da fare e quindi non usciamo mai,solo una volta siamo usciti in un mese che ci conosciamo. Mi poteta aiutare?! Baci

Risposta

Cara gio gio, a dire il vero dalle cose che dici è un pò difficile capire le intenzioni di Luca...Possiamo solo fare delle ipotesi, che però poi vanno necessariamente chiarite con lui. Forse quando ti ha conosciuta, in un'occasione di scherzo e divertimento, pensava ad un'avventura, ad un rapporto non impegnato, ma poi, vedendo che tu non ne eri il tipo, in modo sincero ti ha detto che non si sente pronto ad una storia più seria. È possibile che conoscendoti ti abbia trovato una persona in gamba e che gli dispiaccia l'idea di perderti, ma nel contempo non se la sente di offrirti altro...così resta un pò a metà strada in un rapporto che a te sembra nè carne nè pesce...e a lui un compromesso per non perderti nè sbilanciarsi in una cosa che non si sente. Quindi, cara gio gio, se le cose stanno così (e solo lui te lo può dire) starà anche a te decidere che fare, se e quanto tempo dare a questo rapporto per vedere se si evolve in qualcos'altro, se accettare eventualmente un'amicizia un pò anomala,...
In bocca al lupo!!

Youngmail

Youngmail

Scrivici