Youngmail è una rubrica interattiva tra giovani ed operatori esperti

È un servizio di consulenza gratuito on-line offerto
dai Consultori Familiari dell'ULSS di Vicenza

Come puoi vedere ci sono tanti argomenti di cui puoi parlare: sessualità, contraccezione, rapporti di coppia, con amici, con gli adulti intorno a te, problemi, dubbi o riflessioni personali,...
Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Dimenticare un ragazzo che mi ha fatto soffrire molto

07/07/2017: di ETERNA BUONA, 21 anni

Domanda

Salve, sto passando un periodo davvero brutto. Non faccio altro che pensare al mio ex, a come sia successo tutto questo. vi racconto in breve...
Lui è un dj di un evento che spopola nel vicentino e non era previsto nella mia vita ma ci è entrato quasi 2 anni fa. Mi ha travolto di emozioni, senzazioni, gioie, dolori e sopratutto ho capito cosa vuol dire sopportazione con lui. Ho capito cosa significa essere disposti a fare tutto per una persona, ho capito davvero cosa vuol dire AMARE, ESSERE INNAMORATI.. eravamo come due amici, ci piaceva fare festa assieme e avere i nostri momenti. A volte quando potevo lo seguivo negli eventi e guidavo io al ritorno in modo che lui potesse diversi un po. E' la persona più difficile che io conosca, piena di dubbi, sopra la musica non ci passa nulla ma ho accettato anche questo, di essere messa dopo la musica e gli amici, per amore.
Dopo pasquetta 2017, le cose hanno iniziato ad andare male da parte sua, non riusciva a chiamarmi amore,a dirmi ti amo..solo tante promesse ma pochi fatti.. mi ha detto che non è più sicuro di quello che prova. A marzo circa abbiamo deciso di prenotare le ferie.. ma io dico se non sei sicuro perchè?
Mi ha fatto una proposta di convivenza a fine marzo e poi è uscito dicendo che io avevo una marcia in più.
Ci siamo visti in giro parecchie volte dato che frequentiamo gli stessi posti e mi ha baciata di nuovo due volte, mi ha detto che è ancora legato a me, che forse non è vero che non è più innamorato ecc ecc, per me sono cose che hanno un peso enorme...tutto questo per sentirmi dire che ha sbagliato il giorno dopo. sento voci che lo hanno visto in giro con una ragazza quando eravamo ancora in pausa e lui nega.
Le voci arrivano da gente che ci conosce e che non ha alcun beneficio nel dire il falso.
Questo ragazzo mi ha ucciso più volte, mi sento fredda, insicura a conoscere nuove persone perchè nella mia testa nonostante tutto lui vive. Sono stanca di sognarlo, di pensarci, di piangere sopratutto.. non so come aiutarmi per liberarmi dal male che mi ha fatto. Perché non riesco ad odiarlo?

Risposta

Cara Eterna Buona, la tua lettera contiene molte emozioni intense...perciò è un pò difficile capire bene in che situazione tu e lui siate oggi. Tuttavia, per quel che mi pare di capire, non state più insieme o almeno non in modo stabile, dato che lui ti prende e lascia, a seconda delle emozioni che prova nel momento. Diversamente, tu sembri cercare un rapporto più stabile, che ti dia amore e serenità non "a corrente alternata ed imprevedibile". Visto l'evolversi delle cose, penso che questo difficilmente potrai ancora ottenerlo in questo rapporto, quanto meno in questa fase in cui lui sembra confuso...
Ahimè, non esiste una "formula magica" per dimenticare qualcuno, ma per poterti "liberare" un pò dal pensiero di lui, penso sia utile mettere molte "energie" su di te, sul prenderti cura di te e volerti bene più di quanto hai fatto con lui in questi anni. Ciò significa, prima che di trovare un altro ragazzo o voler sentire odio verso questo, provare veramente a riappropriarti della tua vita, capire quali attività o amicizie "ti ricaricano" e dedicarti a queste, non dare spazio ai momenti in cui i pensieri e i ricordi cominciano a tornare indietro e ad occuparti la testa.
In bocca al lupo!!

Youngmail

Intimità con ex..non protetta

01/07/2012: di B.A, 19 anni

Domanda

Salve, vorrei parlarvi di una questione un po' delicata... Ho avuto un rapporto occasionale con un mio ex ragazzo... in realtà lui non è mai entrato dentro di me, non abbiamo fatto l'amore, ma facendo del sesso orale lui ha eiaculato e 4 o 5 minuti dopo, dopo essersi pulito con un asciugamano abbiamo fatto del petting. E prima di questo, lui si è strusciato su di me anche se avevamo entrambi le mutande, ma era bagnato... Il mio dubbio è, quanto tempo impiegano gli spermatozoi a morire all'aria? e... potrebbe esserci qualche rischio, anche se nn è mai avvenuto un contatto diretto con lo sperma? magari con le dita sporche... anche se era passato del tempo dalla eiaculazione? Grazie mille, aspetto una vostra risposta al più presto.

Risposta

Cara B.A., mi piacerebbe chiederti il senso di questo "ritorno di fiamma"...avere un'intimità con un ex, se non state pensando di tornare insieme, dove ti può portare?
Ma la richiesta esplicita che tu fai è di un altro tipo, per cui...rispetto a quanto racconti, il rischio mi pare proprio basso, puoi stare abbastanza tranquilla. Tuttavia se non dovesse arrivare la mestruazione come al solito ti consiglio di effettuare un test di gravidanza. Ciao!

Youngmail

Verginità: ci sono dei "segnali"?

04/12/2011: di Marta, 18 anni

Domanda

Cara ym, può un ragazzo capire se una ragazza è vergine durante il rapporto? Perche quello di cui il mio ex ragazzo mi ha "accusata" è di avergli mentito riguardo la mia verginita .. Con lui ho avuto il mio primo rapporto.. Non ho avuto perdite, non so se lo ha pensato per questo.. E quando gli ho chiesto spiegazioni lui era un po in imbarazzo e ho lasciato perdere.. Grazie mille.. Ciaooo:)

Risposta

Cara Marta, dal punto di vista anatomico, durante i primi rapporti sessuali nella ragazza si lacera una piccola membrana all'ingresso della vagina che si chiama imene. Tale lacerazione può (ma non necessariamente) dare qualche piccola perdita di sangue. Ci sono imeni di forme e consistenza diversi, per cui in alcuni casi nemmeno c'è lacerazione o non vi sono perdite, perciò questa - nonostante spesso soprattutto nella cultura popolare sia stata ritenuta una prova - non può essere considerata una "cartina di tornasole" della verginità di una donna.
Non so cosa il tuo ex ragazzo possa aver considerato come "prova" a favore della sua tesi, magari nemmeno lui ne è sicuro...ma se è arrivato a lasciarti per una cosa non vera, non credendoti, forse il problema più grosso non è la verginità o meno, ma la fiducia che lui non aveva in te...forse meriti qualcuno che ti creda e che apprezzi un pò di più il dono di vivere insieme l'intimità sessuale, piuttosto che concentrarsi su aspetti meno rilevanti!!
Ciao!

Youngmail

Fine di una storia: quanti pensieri poi!

24/11/2011: di Alice, 17 anni

Domanda

Salve youngmail, premetto che la mia mail non è urgente, posso lasciare la precedenza ad altre lettere, in quanto tutto quello che è scritto qui è il frutto di rielaborazioni di pensiero che stanno dentro di me da chissà quanto tempo, non hanno fretta di ricevere consiglio.
Ho appena diciassette anni, alle spalle due relazioni finite male. Molto male.
La prima è avvenuta più un'anno fà, con un ragazzo più grande di me, è durata quattro mesi. Ero estasiata all'idea di avere un ragazzo, ma il mio entusiasmo non mi faceva accorgere di quanto si stesse distaccando da me...fino il giorno in cui mi ha lasciata. All'improvviso, senza parlarmene prima (avrà avuto dei dubbi in principio su cui poter discutere con me...!), l'ha deciso, e io non ho avuto la forza di provare a lottare un po'. Non sarebbe servito, perchè ne ho avuto la prova poi, che insistere non serve in queste situazioni. Con la seconda storia, la più recente, ancora con un ragazzo più grande di un paio di anni (ero convinta che la loro età favorisse loro una sicurezza interiore così come l'avevo io) non è andata diversamente. A parte il fatto che era ancora più profonda della prima, e che è durata più del doppio dei mesi. L'ultimo periodo per me è stato un'agonia, per quanto provassi a parlare con lui, per quanto ci mettessi tutta me stessa, la mia anima, la mia forza, lui era vuoto. Non voleva parlarmi dei suoi problemi (legati al suo essere tendente al pessimismo, così diverso dal mio) non voleva condividere il suo dolore per via di quello che gli stava succedendo dentro, che lo spingeva lontano da tutti e da tutto. Lontano da me, fino a che mi ha lasciata. Di nuovo. Quando io ero così convinta e sicura, così innamorata. Per me tutto era al posto in cui doveva essere, ogni sentimento e pensiero, ero pronta a vivere con lui anche i problemi, ero pronta a superarli. Si, ero siscura che gli avremmo superati insieme, gli ostacoli che sono inevitabili nel corso di una crescita, di una vita, si possono vivere con serenità, se si ha la consapevolezza del proprio essere. Così, quando ci parliamo durante le ricreazioni anche se del più e del meno, cerco di essere coerente con me stessa, onesta sempre. Sto molto lavorando su di me per stare bene, mi concentro per dimenticarlo piano piano. Per dimenticare entrambe le storie forse. Ho paura di aver sbagliato io, qualcosa che non so, che non mi è mai stato detto. Ho paura di essermi convinta di così tante certezze e di non avere niente in mano, in verità. In alcuni momenti la mia autostima cala parecchio, cosa che non è da me, ammetto. Io ero così contenta di amare! Amo comunque i miei amici, la vita che ho, le cose che faccio. Però per me era il momento giusto per condividere qualcosa di più, con una persona speciale. Ho molto da dare, perchè se ne vanno così, come il vento? Perchè non vogliono ricevere? A volte sono stanca...stanca persino di ragionare. Che il mio pensiero prevalga sulla passione? Ho così tante domande! Ne parlo con i miei genitori, con gli amici, però...forse un parere soggettivo sarebbe diverso. Sono apprezzata per quello che sono, ed essendo io quella che ascolta e consiglia, non ricevo aiuti davvero utili. Mi dicono che così mi complico e basta...e io che continuo a pensare che invece è troppo comodo non complicarsi. Ho quel ragazzo sempre in testa, siamo stati così bene insieme, perchè ha distrutto tutto? Sono stata meglio di colpo, ho paura di avere ancora molto dolore dentro che mi porta ad analizzare tutto con ossessività. Se mi chiedesse di stare di nuovo insieme, anche se sono ancora innamorata, direi di no. Non ce la faccio. Ho bisogno di novità...qualcosa di completamente nuovo, di un animo più aperto forse...basta. Scusate la lunghezza, il disordine con cui espongo una parte di me, quella un po' tormentata, quella un po' più brutta. Grazie di cuore.

Risposta

Carissima Alice, le tue domande, le riflessioni che fai sono la preziosa parte di "elaborazione del dolore" che tutti noi dovremmo fare per capire cos'è accaduto quando termina un amore: "curare" le ferite, recuperare un pò l'autostima spesso ferita e capire se possibile cosa possiamo migliorare in noi..mi pare che tutto questo tu lo stia facendo, anche se forse con molta poca serenità...quando gli interrogativi diventano interrogatori ossessivi e tormentosi alla propria mente, più che ad una riflessione costruttiva temo siamo di fronte ad una non accettazione della rottura...
Se mi permetti, vorrei soffermarmi con te su alcuni aspetti che mi sembrano importanti, rispetto a ciò che dici. Quando entriamo in una relazione, accettiamo sempre il rischio, o meglio, l'incognita che le cose possano non andare o andare male...è che di frequente in quel momento siamo così innamorati che ci sembra un'eventualità impossibile...ma c'è e non si può pensare che la paura o il non sapere come andrà a finire tutto quello che "investiamo" nel rapporto ci "freni" rispetto all'amare. Piuttosto è utile pensare che se non andrà, alla rottura non tutto sarà perduto, che porteremo "a casa" comunque l'amore vissuto durante il rapporto, una conoscenza più approfondita di noi grazie allo "specchio" della relazione e un'esperienza di crescita..
Spessissimo poi, la parola "fine" è detta più da uno dei due: l'altro ha il compito difficile di "farsene una ragione", anche quando - a suo avviso - le cose erano risolvibili. Anche perchè facilmente davanti agli occhi di chi viene lasciato scorre il film dei momenti belli, delle cose per cui ne valeva la pena e a cui è molto difficile rinunciare. Tuttavia, quel bello non è tutto perduto alla rottura. A mio avviso resta in due modi: da un lato come un capitolo nella "biografia" dei ricordi della nostra vita che ci rammenta momenti belli vissuti e che restano comunque "nostri", ci fanno sentire bene, amati, anche se magari non più al presente. D'altro canto, quel "bello", quello stare così bene insieme, non ti parla solo di voi, ma anche di te: di una parte bella di te che, quando ti sentirai pronta potrai provare a rivivere in modo nuovo e originale con qualcun altro... quel "bello" l'hai costruito molto anche tu...quel bello sei tu.
Ma ora basta riflessioni...un consiglio pratico. Ed è, cara Alice, che ok riflettere, ma poi non "perdere" nei pensieri questo tuo periodo di vita. Sforzati (perchè, un pò come prendere una medicina amara costa, così a volte fare le cose che ci fanno bene implica un pò di fatica) di uscire, di coltivare le amicizie, le passioni.. Evita di cadere nella trappola di pensare che amare passi solo attraverso l'avere un amore...si tratta di continuare, come dici già tu, di pensare al valore della tua vita al di là della presenza o meno di una certa persona, si tratta di avere molti legami "buoni", che ci fanno sentire bene, di fare cose che ci fanno crescere e vivere un senso di benessere, gioia, serenità...quindi - anche se capisco che ora è faticoso vederla così - in questo senso nella vita "gli amori" possono essere tanti, basta lasciarsi coinvolgere e appassionare..se tu invece continui a "lasciar spazio", questo verrà invaso dal rimuginare su ciò che è stato o avrebbe potuto essere... Se non è stato sarà: vuol dire che magari c'è qualcosa o qualcuno di ancor più bello dietro l'angolo ad aspettarti...ma se non riprendi a camminare, come fai ad arrivare dietro l'angolo? ;) In bocca al lupo!

Youngmail

il mio ex

24/09/2011: di kikka, 16 anni

Domanda

Ciao..ho un problema e spero che voi possiate aiutarmi a capirne di più ... in poche parole sono stata insieme ad un ragazzo per quasi tre mesi e poi lui mi ha lasciato perchè il mio gruppo di amici di cui facevo parte non voleva più uscire con me ... adesso lui sta insieme ad un' altra ma continua a scrivermi a dirgli che gli manco e quando stiamo insieme finisce sempre che ci baciamo ... e lui vuole andare oltre cosa devo fare ?? grazie in anticipo per la risposta...

Risposta

Cara kikka, non ho capito bene il motivo della vostra rottura. Mi è invece chiaro che tra voi c'è ancora attrazione e che tutti e due provate ancora interesse l'uno per l'altra, pur avendo lui un'altra ragazza.
Quindi, se lui è impegnato, il chiederti di "andare oltre" che significato ha per lui? Un'avventura, un tradimento o un lasciare l'altra e rimettervi insieme?
E che significato avrebbe per te?
Dietro queste domande che ti pongo c'è in realtà anche la risposta che stai chiedendo: se non c'è chiarezza rischi (o magari rischiate in più d'uno) di soffrire. Sia perchè magari per te andar oltre rispetto all'approccio fisico avrebbe un significato anche rispetto alla vostra relazione e non è detto che sia altrettanto per lui, sia perchè mi parrebbe davvero poco rispettoso da parte sua sia nei confronti tuoi che in quelli dell'altra ragazza vivere una sessualità di qualche tipo con te, essendo insieme all'altra.
Quindi, se tu sei ancora innamorata di lui ma non vuoi rischiare di soffrire o sentirti poi "usata", il consiglio è di chiarire le cose prima di decidere se "andare oltre"...
In bocca al lupo!

Youngmail

Tra l'ex che promette di cambiare e un nuovo ragazzo: che fare?

06/09/2011: di Serena, 17 anni

Domanda

Salve ym, vi scrivo perche' sono abbastanza incasinata e vorrei sfogarmi con qualcuno.Allora vi spiego;
Per 2 anni ho avuto una storia a distanza e all'inizio le cose erano meravigliose,era stupendo stare insieme. Con lui ho perso la mia verginita',dopo di che il nostro rapporto e' cambiato,lui mi isolava e faceva un po' i suoi comodi. Durante la sua "assenza" io ho conosciuto un'altro ragazzo, che ha iniziato a piacermi e con l'altro ho voluto rompere..lui mi ha cercata, ha continuato a dirmi che per me cambiera' e che non mi vuole perdere. Solo che io non so piu che fare, fidarmi oppure iniziare una nuova storia con un ragazzo piu vicino..?? Grazie!

Risposta

Cara Serena, direi che più che una questione di fiducia è una questione di sentimenti... Cosa provi ancora per il tuo ex, al di là dei cambiamenti che può o meno fare?
In secondo luogo trovo un pò rischioso basare la ripresa di una storia solo su una promessa di cambiamento futuro... Intanto perchè i cambiamenti personali fatti per non perdere un'altra persona rischiano di essere poco profondi. Già è difficile cambiare per se stessi...ma almeno in quel caso il cambiamento è legato ad una convinzione propria, ma cambiare perchè un altro te lo chiede...non mi sembrerebbe nemmeno giusto. Quindi, il consiglio è di capire se il tuo ragazzo intende cambiare gli atteggiamenti che tu gli critichi, al di là di te, cioè se ritiene anche lui di aver avuto questi comportamenti, se li ritiene non corretti e se si propone di cambiare perchè non si piace così o solo per non perderti...
Per quanto riguarda il "nuovo" ragazzo, considera che, se da un lato la vicinanza potrebbe rendere la storia più solida, grazie anche alla maggiore possibilità di vedersi e dialogare, dall'altro stai paragonando una storia lunga ad una in fase di innamoramento iniziale...questo confronto a volte può essere fuorviante... Qualunque sia la tua scelta, credo sia opportuno che metti sempre in conto che l'inizio di una storia, l'innamoramento, le attenzioni iniziali, sono comunque destinate a trasformarsi in una quotidianità magari meno entusiasmante o carica di attrazione, mai appagante al 100% (ormai noi donne abbiamo capito che il principe azzurro delle favole non esiste, no?!), ma più stabile...
Ciao!

Youngmail

Lui m'ha lasciata. Ora è crisi

16/04/2011: di Valkyria, 17 anni

Domanda

ciao youngmail...ho bisogno di un grande aiuto=(
Dopo una storia durata 1 anno e 5 mesi, il mio ragazzo mi ha lasciata, all'improvviso..
Da un giorno all'altro mi ha lasciata, è diventato una bestia...mi allontana, dice che non vuole nessuno, mi insulta...dice che non prova più nulla per me...ma dice anche che non è colpa mia, ma sua, dato che è cambiato..
Il nostro amore, nonostante l'età, era splendido e forte...io credo davvero che lui fosse l'uomo della mia vita...era unico...mi faceva stare bene..
A peggiorare le cose c'è anche un fattore "fisico", nel senso che io mi ero ciecamente fidata di lui e ho deciso di concedermi anche nella parte più intima..
eravamo felici, stavamo bene...ma all'improvviso è esploso qualcosa che non so davvero spiegare. Dopo quell'orrenda sera in cui mi ha lasciata, sono andata in crisi.Piango ininterrottamente tutto il giorno, non mangio, non ho rispetto di me stessa...voglio solo lui...lo cerco continuamente...mi manca tutto di lui, non riesco a vivere senza di lui, sono dipendende da lui...è come una droga! Ho fatto il grande errore di concentrare tutta la mia vita su quella storia, quindi ora mi ritrovo con pochi amici, e mi sento davvero sola. Sto davvero male...aiutatemi=( la mia vita è crollata in un soffio...non trovo pace, lo voglio con me più che mai..mi sembra quasi di morire, mi manca la mia aria...il mio amore..

Aspetto risposta, grazie x la disponibilità..

Risposta

Cara Valkyria, mi pare che tu abbia riflettuto con molta attenzione su quel che ti sta capitando...e nonostante ciò continui a soffrire..i tempi di "guarigione" del cuore sono diversi da quelli della mente, soprattutto quando "investiamo" così tanto su una persona che non contraccambia. Purtroppo non c'è un consiglio o qualcosa che ti possa dire che possa avere effetto "analgesico" sul dolore. Ma se senti di star male e di aver bisogno di un aiuto per "ritrovare" la rotta, puoi venire al consultorio familiare più vicino (trovi tutte le indicazioni necessarie al link "Indirizzi utili" del sito) e fare qualche colloquio con lo psicologo: poter essere ascoltati, poter riflettere insieme sui "cocci" e ritrovare un pò se stessi, oltre che utile, può essere un sollievo in un momento di sofferenza intensa come quello che stai attraversando. Ti aspettiamo? Ciao!

Youngmail

sono disperata...

06/03/2011: di chiara, 13 anni

Domanda

Ciao youngmail..sò da subito che la tua risposta non mi farà ritornare il sorriso da oggi a domani, ma potrà aiutarmi a farmelo ritornare. In breve, io e il mio ragazzo o meglio ex ragazzo :(((( abbiamo avuto una storia durata 3 settimane, lui fin da subito mi ha fatto capire di essere innamorato di me, come io lo sono stata e lo sono purtroppo ancora.. però proprio l' altro ieri mi ha lasciata.. adesso sono giù di morale, non voglio uscire di casa ecc. come posso fare per superare questa crisi? vi prego rispondetemi,

Risposta

Cara Chiara, così come gli innamoramenti anche le delusioni in un'età "intensa" come la tua possono mettere davvero sottosopra il cuore e lo stomaco! Tanto più se questa storia è stata per te importante. Perciò penso sia normale tu ora ti senta in crisi e abbia bisogno di un pochino di tempo per superare questa rottura. Forse però può esserti utile non assolutizzarla, nel senso di non pensare che sia (o meglio sia stata) la cosa più importante nella tua vita, senza la quale le cose non hanno senso...per quanto importante fosse, per quanto innamorata tu sia, penso che la tua vita abbia anche altri aspetti belli o importanti di cui non ti devi dimenticare: le amiche, la tua famiglia, le tue passioni o gli hobby, la scuola,... La "torta della vita" non si fa mai con un solo ingrediente e per quanto possa essere un guaio non aver più un ingrediente importante, con ciò che abbiamo e con ciò che possiamo aggiungere alla nostra vita possiamo sempre realizzare una ricetta gustosa. Perciò, il consiglio è di cercare di riacquistare il gusto della vita nelle cose piccole (o magari anche grandi) che in questo momento di sofferenza stai forse un pò dimenticando o sottovalutando. Ciao!

Youngmail

Fine di una storia: e ora?

06/06/2010: di Annina, 16 anni

Domanda

Caro youngmail, sono ancora io, Annina. Ebbene ora posso farvi sapere come è andata a finire la mia storia a dir poco contorta. Quando vi ho scritto l'e-mail stavo con il mio ragazzo da 2 mesi e mezzo, poco dopo aver fatto il terzo, lui mi ha mollata senza preavviso in una triste vietta del centro. È stato terribile perchè non ero preparata, e avevo deciso (dopo aver seguito il vostro prezioso consiglio) di provare a stare con lui e a superare quel periodaccio. Evidentemente, non ero solo io ad essere confusa. Così, se da una parte mi rallegro, e mi dico che è stato un bene che abbia preso lui una decisione (anche se veloce, definitiva e dolorosa più di quanto mi aspettasi), dall'altra ho dei momenti di grande malinconia e dispiacere. Perchè mi manca, mi mancano anche i suoi difetti a volte, che quando ero con lui odiavo terribilmente. A scuola se lo incrocio a volte non ho neppure la forza di salutarlo, e cerco di evitarlo. È normale che mi senta così distaccata, che non abbia più la voglia di affrontarlo anche solo per chiedergli come va, e fare due normalissime chiacchiere? Quando stavo con lui pensavo che se ci fossimo mollati avremmo continuato a frequentarci d'amici, almeno quello. Invece così lui ha ribaltato tutto: segno che la vita non si puo' programmare. E neanche potevo sapere a come avrei reagito io stessa al distacco. Ovviamente, penso ancora molto (come giù pensavo quando stavo con il mio ragazzo) all'altro tipo. Molto probabilmente è inutile, in questo caso aspettare non serve a molto. Dovrei fare qualcosa, intervenire, non lo so. Al momento non credo di avere le forze, anche se lui non sta con nessuna e credo di piacergli almeno un poco, certo non quanto lui piace a me. A volte mi sento vuota e vorrei che quel ragazzo di cui tanto sono stata innamorata fosse con me, immagino di potergli raccontare tutto, cosa che con il mio ragazzo non riuscivo sempre a fare. Forse in questa mail non chiedo molte cose, solamente di essere ascoltata e magari avere una risposta da voi, libera, che non risponde a mie domande specifiche, mi aiuterà. Quindi vi ringrazio di cuore.

Risposta

Carissima Annina: all'interno della Bibbia c'è un libro molto poetico chiamato Qoelet, in cui è riportato un brano bellissimo il cui messaggio è "C'è un tempo per ogni cosa...". Pensando alla tua situazione, mi verrebbe da suggerirti che c'è un tempo per curare le ferite e un tempo per voltare pagina e agire...non credo sia opportuno sovrapporre i due "tempi", nè accellerare il secondo per sopportare la sofferenza del primo!
Concludere una storia in cui hai creduto e vissuto - anche se con alcuni dubbi - non è come finire di leggere un libro e tuffarsi subito in un altro...forse hai bisogno di un pochino di tempo per riprenderti, anche solo capire che se "non hai voglia" di tante cose, senti nostalgia, hai le "batterie scariche" è normale per un pò...e forse questo vale anche per la relazione tra te e il tuo ex: magari ci vuole un pò perchè torniate a parlarvi..chi lo sa, in futuro può darsi recuperiate anche l'amicizia, ma ora è troppo presto, la "ferita" non è ancora rimarginata!
Come nella precedente lettera, anche in questa i tuoi pensieri vanno anche all'altro ragazzo...e come nella precedente risposta il consiglio è ancora quello di capire se è veramente una simpatia o piuttosto un "rifugio idealizzato" per la sofferenza che stai vivendo. Potresti provare ad avvicinarlo in termini di amicizia e testare, strada facendo mentre la nebbia di questo periodo si dirada dal tuo cuore, cosa provi per lui come persona reale...se son rose...
Auguri!!

Youngmail

Non me lo tolgo dalla testa...

29/03/2009: di titti, 17 anni

Domanda

Ciao youngmail! Mi aiuti a risolvere questo problema da cui non riesco a uscirne ormai da mesi... Le racconto tutto dall'inizio...a maggio dell' anno scorso dovevo conoscere un ragazzo, chiamiamolo G, a cui piacevo molto ma il giorno prima di uscirci insieme ho conosciuto il mio attuale ragazzo,che chiamiamo A. G ha una anno in meno di me, e avevo paura di fidarmi di lui, temevo fosse solo un immaturo e che io fossi solo un suo capriccio passeggero. Nonostante fossi fidanzata con A continuavo a tenermi in contatto per cellulare con G. In agosto A mi trattava molto male e G mi consolava sempre... Allora decisi di incontrare G per conoscerlo meglio, senza impegno, come amico. Dal momento che l'ho conosciuto non sono più stata in grado di togliermelo dalla testa...Io e G, all'insaputa del mio fidanzato A, uscivamo spesso insieme, stavo bene con lui, dimenticavo tutto il male che mi faceva provare A. E G si innamorò di me...anche a me piaceva molto ma non sapevo che fare, amavo il mio ragazzo nonostante mi trattasse male e mi dicesse che non mi amava più...G invece mi faceva sentire benissimo, mi riempiva di parole dolci, baci, coccole... Finchè arrivò a dirmi "ti amo"... In quel momento capii che dovevo lasciare il mio ragazzo che non mi amava e stare bene con una persona che mi voleva, mi voleva da morire. Lasciai il mio ragazzo per G...quanti momenti indimenticabili passati con lui...poi, i primi di ottobre capitò quello...facemmo l' amore per la prima volta...per lui era anche davvero la prima volta nella sua vita...mi sentii speciale perché aveva scelto me, ero felice come non lo ero mai stata...quello è stato l'ultimo giorno in cui siamo stati insieme...Non mi ha più voluta...Le sue giustificazioni sono state "io sono immaturo, non potrò mai renderti felice,sono stupido,non mi accontento mai di niente,forse ho trovato una persona che mi attira di più fisicamente"...quasi subito mi sono rimessa insieme ad A, ora davvero innamorato di me, che mi considera la cosa più importante della sua vita...E io faccio finta di ricambiare i suoi sentimenti perché non voglio che un' altra persona soffra come soffro io adesso...non riesco a dimenticare G, mi martella il suo nome nella testa giorno e notte, ogni cosa intorno a me mi ricorda lui, mi sogno continuamente il suo viso,i momenti passati insieme. Non riesco più a vivere senza di lui, sono disperata, all'inverosimile, piango continuamente, la sua assenza mi distrugge dentro, non voglio più vivere senza di lui...un mese fa l'ho visto in discoteca con la sua nuova ragazza...e gli sono svenuta davanti, non so cosa mi è successo...è come se mi fossi disintegrata in quel momento...So benissimo che non potrò mai riaverlo indietro, mai. E questo mi distrugge ancora di più...Cosa devo fare?Ho accettato la realtà...ma questa fa troppo male...sono 6 mesi che sono invasa da tutto questo dolore...non so come uscirne...è tutto buio...Vorrei riavere tutto di lui...Per favore mi aiuti, non so più dove battere la testa... Con il mio ragazzo che devo fare?Continuare a mentirgli ma,facendo così, non farlo soffrire?E con G?Non riesco a vivere senza di lui...non voglio vivere senza di lui, lo rifiuto. E se non sa dare risposta a queste due domande almeno mi dica come posso far passare tutto questo male...non lo sopporto più, mi penetra come spilli fin dentro le ossa, mi soffoca. Non voglio più dover sopportare questo male. Per favore mi aiuti.

Risposta

Cara Titti: a volte le "ragioni" del cuore e quelle della realtà non vanno molto d'accordo...come nel tuo caso. Mi pare che rispetto al rapporto con G. i problemi siano due: uno è che non c'è stato un chiarimento sincero e aperto tra voi rispetto a ciò che vi ha portato alla rottura, l'altro è che mentre per lui la storia sembra essere finita non lo è per te...capisco che non è facile farsene una ragione, soprattutto quando mancano dei motivi chiari a cui aggrapparsi..per te la storia funzionava bene, stava diventando importante.
Non sappiamo perchè G. si sia comportato così...sicuramente è stata una delusione e un dolore, ma almeno considera questo: se ti ha lasciato così, su due piedi, senza margine di dialogo o di soluzione della possibile difficoltà proprio nel momento in cui la vostra storia si faceva più importante, che affidabilità potresti dargli se mai tornasse indietro? E che valore può avere un "Ti amo" che scade da un giorno ad un altro?
Per tanti aspetti poteva essere il ragazzo ideale, ma evidentemente per altri lasciava a desiderare se non si è preoccupato nemmeno di darti spiegazioni chiare e di mettersi a breve con un'altra...
Per fortuna i ragazzi al mondo sono tanti: non è che devi per forza scegliere tra G. ed A. Anche se immagino che al momento tu lo ritieni impossibile, potresti conoscere una persona nuova di cui innamorarti con la stessa intensità e da cui essere corrisposta!
Per quanto riguarda A., invece, mi verrebbe da chiederti cosa ti tiene insieme a lui se non lo ami...a volte può venire naturale il pensiero "Piuttosto che sola.." per potersi quanto meno sentire amati, ma considera che in questo modo oltre a soffrire per la situazione, ti tocca anche mentire...e "fare finta" forse preserverà in questo momento A. dalla sofferenza, ma gli fa (e ti fa) un danno più grosso: non gli (e ti) permette di cercare una persona da cui essere corrisposto e non gli permette di stare in una storia in cui è amato davvero.
Perciò, se non lo ami, per te e per lui forse è meglio chiudere il rapporto e dedicare un pò di tempo a te stessa per "curare la ferita". Se senti che da sola è difficile perchè non pensare di chiedere qualche colloquio psicologico allo sportello d'ascolto a scuola o al consultorio della tua zona? Aprirti con qualcuno che sia esperto e ti possa ascoltare e aiutare a fare chiarezza, a tirar fuori tutto questo dolore che senti dentro, forse ti può "alleggerire", ti può dare la possibilità di "guarire un pò più in fretta la ferita". Pensaci! Un abbraccio!

Youngmail

Non mi riconosco più...

15/03/2009: di Stefania, 17 anni

Domanda

Cara youngmail, ho bisogno deel vostro aiuto... non so proprio più cosa fare...
Secondo voi un ragazzo può avere la capacità di ipnotizzare una ragazza??? Io ormai non so proprio più cosa pensare!!! Nella mia vita sono sempre stata una ragazza molto razzionale che faceva solo le cose di cui era sicura! A settembre mi sono messa con un ragazzo della mia scuola di due anni più grande di me... mi piaceva veramente tanto e non per il suo aspetto fisico ma per quelloche credevo fosse il suo carattere: con lui mi sentivo al sicuro, protetta e pensavo di avere una persona su cui poter contare ogni giorno. verso i primi di Novembre lui non risponde più ai miei messaggi, alle mie telefonate, lo cerco a scuola e non lo trovo... sono andata avanti così per una settimana infatti mi ero anche preoccupata che gli fosse successo qualcosa. il lunedì successivo mi manda un piccolo sms con scritto che il calcio gli portava via molto tempo ed energia e non voleva farmi soffrire. Ci sono rimasta malissimo soprattutto perchè dopo nianche una settimana l'ho visto baciarsi con un'altra; da lì ho capito che avevo sbagliato a giudicarlo e ho cercato di cancellarlo dalla mia testa. Mercoledì questo abbiamo avuto assemblea a scuola, lui era di fronte a me e ad un certo punto si è avvicinato e mi ha chiesto di stare un po' insieme per parlare... la mia testa diceva di NO ma ho agito d'istinto e gli ho risposto di Sì... è stato un super errore perchè mi ha portato nel nostro solito posto: abbiamo iniziato a parlare e poi lui si è avvicinato e io ci sono cascata in pieno... Sono stata insieme a lui, ero felice e se non fossimo stati a scuola forse avrei fatto un errore ancora più grosso... dopo mercoledì non l'ho più sentito... Io adesso lo Odio profondamente ma so che se mi arrivasse un suo sms gli risponderei subito e rifarei tutto... Perchè non riesco a togliermelo dalla testa??? Perchè non riesco ad affrontarlo e ad allontanarlo dalla mia vita? Per favore aiutatemi, cosa devo fare?????????????

Risposta

Carissima Stefania, nella storia che racconti, mi pare l' "ipnosi" c'entri davvero poco...o se proprio vogliamo parlare di "ipnosi" dovremmo pensarla come una parte di te (quella emotiva) che ha la meglio sull'altra (quella razionale).
Con la testa mi pare ti rendi conto che la storia che tu vorresti con lui non è possibile e che il suo comportamento con te è tutt'altro che stabile: rischia ogni volta di farti soffrire o arrabbiare..ma quando scendiamo al cuore le risposte cambiano...e sono quelle risposte che ti fanno dire sì, quando la testa consiglierebbe no...
Il problema, quindi, mi pare sia che la parte di te che pensa e la parte di te che sente ti dicono che il tuo benessere è in direzioni esattamente opposte. Se non avessi più occasioni per incrociarlo, forse sarebbe un pò meno difficile, ma così non è.
Tu ti e ci chiedi: cosa devo fare con lui? In realtà la domanda vera è: cosa devo fare con me stessa?
E credo che l'unica cosa che puoi fare è far "dialogare" quelle due parti di te, prima di tutto per capire meglio, poi per poter prendere delle decisioni. A me, ad esempio, verrebbe da chiederti come mai, nonostante il modo in cui ti ha lasciata, nonostante il comportamento successivo pensi che se si rifacesse vivo "scatteresti"? Cosa ti porta a trovare attraente una persona che in realtà ti dà così poco valore? Forse potresti meritare una storia migliore di una in cui sei presa e lasciata su bisogni e tempi non tuoi..e tra l'altro in condivisione con altre... E anche "scattando" la prossima volta, che pensi di ottenere? Magari un altro bacio, magari qualcosa di più, per poi considerarlo un errore quando lui "sparisce" nuovamente? Pensi ci siano speranze che le cose possano andare diversamente da così, che lui possa decidere di riprendere una storia con te? E se sì, su quali segnali puoi basare queste speranze?
Non sempre le storie finiscono perchè due persone non si amano più; finiscono anche per molti altri motivi. Nel tuo caso mi pare che ci sia un motivo importante che potrebbe farti contare almeno fino a 10 la prossima volta, prima di scattare: il rispetto per te stessa. Se lui non se ne preoccupa, tu però te ne devi preoccupare...perchè c'è di mezzo una cosa troppo importante: la tua autostima! Auguri!!

Youngmail

Penso ancora al mio ex

05/11/2008:lettera non firmata, 16 anni

Domanda

Ciao youngmail, lo so sarà una domanda stupida.. ma sono ancora persa x il mio ex tipo.. io e lui non siamo mai stati insieme ufficialmente.. però ci siamo frequentati, "lasciati", ripresi per circa 2 mesi.. devo essere sincera io partivo prevenuta nei suoi confronti perchè sembrava la classica storia ke il ragazzo figo che poteva avere tutte le ragazze ke voleva fatalità viene in cerca di me..io non ho una gran bella considerazione in me, non mi ritengo bella..anzi x niente!! ank se gli altri dicono ke lo sono.. io penso ke i ragazzi vengano da me perchè ho un bel seno e qndi sono attrati solo da quello.. è possibile qst?? mi faccio molte paranoie e molte volte qst nn mi da la possibilità di vivermi le storie giorno x giorno..rovino tutto già in partenza!! beh cmq..lui nello stesso periodo ke si sentiva con me, si sentiva con altre ragazze..tra cui una mia amica ed ero ank bloccata da qst cosa all'inizio xk mi sembrava di fargli un torto, un gg decido di dirgli tutto, lei si arrabbia con lui..lui nn da importanza a qst cosa e continua a scrivermi chiedendomi con + insistenza se adesso mi ero "sbloccata" e se potevamo avere un rapporto io e lui.. ancora nn era successo niente tra noi!! all'inizio ke si sentiva cn altre nn mi dava fastidio xk lo vedevo come un "gioco" e nn provando nessun sentimento mi andava ank bene..poi la cosa inizia a complicarsi, io e lui ci baciamo ad una festa poi ci vediamo un'altra volta..ma..tutto d'un tratto nn mi scrive +, nn si fa + sentire.. passa il tempo e arrivo ai primi di marzo era circa un mese ke nn lo sentivo e mi chiede se avevo voglia di rivederlo.. in quel momento mi sentivo felicissima xk una volta ke l'avevo perso avevo capito qnt ci tenevo a lui e qnt errori ho fatto con lui.. però io, da cretina, gli ho detto di no.. forse x orgoglio xk era sparito così dal nulla o nn so x cosa..fatto sta ke dopo a fine marzo si mette con la sua attuale ragazza.. avendo gli stessi amici, qnd usciamo insieme io e lui ci vediamo.. e senza la morosa lui è molto tenero con me.. ce stato un periodo in maggio ke mi scriveva tutte le sere ank se era da neank un'ora ke ci eravamo salutati.. qst periodo finisce come tutte le cose belle..e noi nn ci sentiamo +..io vado avanti x la mia vita (ho altri ragazzi nel frattempo, ma continuo a pensarlo e ancora oggi)e lui x la sua..ogni tanto ci vedavamo in giro, ci salutevamo e se nn cera sua morosa restava lì un po' con me ha parlare del + e del meno..volendogli un bene immenso, appena vengo a sapere ke la sua ragazza gli fa le corna glielo dico come fa ank la morosa di suao fra ecc.. ma nn ci crede!! vabbè restandoci sempre + male xk ci stavamo allontanando l'uno dall'altro,decido di nn calcolarlo +, pensando ke potessi stare meglio!! invece, nn è stato così..ogni volta ke lo vedo mi batte il cuore,immaggino tante volte qnt sarebbe bello se ritornasse da me,qnd ho saputo ke si era mollato(aveva la certezza di essere cornuto) con la sua ragazza ho persino pianto dalla felicità..x poi ripiangere di dolore qnd si sono rimessi insieme da ormai 7 mesi!!
Io sono convinta ke lui prima o poi ritorni da me.. ogni volta ke ci incontriamo lui mi fissa in continuazione come lo faccio io d'altronde..ma è un modo ke solo se ti piace una persona guardi così.. ma siccome nn posso vivere aspettando lui.. COSA DEVO FARE??? DIMENTICARLO, nn riesco, o DIRGLI TUTTO A LUI??

Risposta

Cara amica, non ho una risposta da dare alla tua domanda....solo qualche riflessione con te: dal suo sguardo tu sembri trarre la convinzione di piacergli ancora..ma è sufficiente questo? Se lui fosse innamorato di te non credi che avrebbe fatto qualcos'altro? Qualche altro passo verso di te? Soprattutto quando ha capito l'infedeltà della sua ragazza e il fatto che tu gli avevi detto la verità. Mi pare invece che abbia fatto una scelta chiara: è tornato con la sua lei. Forse 'il lupo ha perso il pelo ma non il vizio': voglio dire che può essere che lui, pur stando con la sua ragazza, ne tenga in ballo anche altre (non è detto tu sia la sola)... D'altro canto mi sembra che comunque la storia che ha sia abbastanza stabile, sia per il tempo da cui sono insieme, sia perchè la storia ha retto anche di fronte ad un tradimento... Dichiararsi in una situazione del genere mi sembra rischiare di restarci male...ma poi la scelta sta a te.. Auguri!

Youngmail

Come riuscire a dimenticare il mio ex?

21/07/2008: di mery-92, 16 anni

Domanda

ciao youngmail è da molto tempo che non vi scrivevo.... e rieccomi qui che scrivo al solito computer i miei problemi adolescienziali....
non so se ricordate un mese fa vi avevo parlato di d. il ragazzo di napoli che i miei non volevano che ritornassi assieme, rapporto a distanza, beh vi avevo detto che avevamo fatto pace e tutto sembrava andare per il verso giusto lui sembrava cambiato e lo era per modo di dire! nelle prime settimane...(secondo me per farmi ricascare nelle sue tattiche!!!!!!!) mi domando perchè dobbiamo a volte soffrire cosi tanto per amore, perche perdere la testa per uno che non ti merita nemmeno! Cmq ritornando al discorso di prima diciamo che ci siamo lasciati, cioe io ho conosciuto qui nel veneto un ragazzo napoletano lui è molto dolce, riservato e rispetta tanto le donne, insomma un ragazzo che oggi come oggi è raro trovare! ma il problema è che non riesco a togliermi dalla testa il mio ex... con lui non mi sento da quattro gg gli ho detto che mi serviva del tempo, una pausa per pensare, e sapete che mi ha risposto? che x lui qnd una xersona si prende una pausa vuol dire che non prova nnt più per quella persona e che ha un altro! è un ragazzo che ragiona da bambino e che tratta le donne come stracci sotto ai suoi piedi. Mi riempe di parole mi insulta e poi mi proibisce di fare molte cose, a volte qnd lo chiamo ed è con i suoi amici lui mi lascia prendere in giro dai suoi amici e non mi difende! beh, insomma, non so cosa fare perche anche se lui mi fa tutte qst cose non faccio altro che amarlo! e se questo mio amore è piu una paura, xke lui qnd gli ho chiesto qst pausa ha detto adesso stai solo attenta perche tu sei mia e di nessun altro ti renderò la vita impossibile a te e a tutta la tua famiglia, insomma sto avendo paura, stasera l ho chiamato ed era sul motorino e mi ha detto che stava andando a farsi un giro a napoli DA SOLO ma io dico lui non è un tipo da uscire da solo anzi! allora gli ho detto che non mi arrabbiavo se mi diceva la verità e gli ho detto ma stai uscendo con un altra e lui mi ha detto no, ma quel NO per me era troppo strano insomma dopo quattro anni so riconoscere se lui mi dice una bugia o no! se penso che sta uscendo con un altra mi sento male.... a volte non mi capisco nenache io, insomma ho trovato una persona perfetta che mi rispetta che mi ama, e penso ancora al mio ex, che non faceva altro che trattarmi come uno straccio, una serva.... secondo voi un ragazzo che dice di amarvi puo fare una cosa del genere alla sua ragazza! xke non cambia, xke non ritorna come prima.... ragazzi vi giuro che sto malissimo forse dovrei dimenticarlo una volta per sempre approfittandone che ho trovato un ragazzo d'oro che mi apprezza, rispetta i miei valori, le mie idee, i miei spazi, e poi mi fa stare bene.... non lo so PIù che cs fare ... vi prego datemi voi un consiglio...grazie della disponibilità a presto....

Risposta

Cara Mery92, nella tua lettera ti fai diverse domande e cerchi di darti delle risposte...ma la domanda che mi pare mancare è cos'è che ti fa ancora sentire innamorata di d. Se, come tu dici, ti tratta con poco rispetto, ha atteggiamenti che non ti piacciono, la sua sincerità è in dubbio e la tua fiducia in lui pure cos'è che continua a farti sentire attratta da lui? Se fosse solo paura, come tu dici, sai che potresti ottenere l'aiuto dei tuoi, in particolare di papà che non sembra averlo in simpatia. Ma sembra quasi che tu non riesca a lasciar perdere nella speranza che lui torni quello dell'inizio. Solo che tutto quanto accaduto in seguito ed ultimamente pare dirti che indietro non si torna..è inutile nutrire aspettative illusorie che sia l'altro a cambiare come noi vorremmo..ci porta solo a farci del male! Se proprio decidi di stare con lui devi prenderlo com'è nella realtà, non per come vorresti che fosse con l'idea 'cambierà'...
Inoltre, cara Mery, nella tua lettera parli come se la storia con d. e la storia con il ragazzo che hai conosciuto da poco fossero legate (del tipo o sto con l'uno o sto con l'altro). Non è detto che sia così: potresti arrivare a capire che, malgrado l'attrazione, stare con d. non è bene per te e decidere di chiudere, ma anche che, per quanto perfetto, di questo nuovo ragazzo non sei (o non sei ancora) innamorata... Voglio dire che per un pò potresti anche aver bisogno di stare da sola, di provare prima a chiudere il rapporto con d. anche dentro di te e solo successivamente - liberato il cuore - provare a cominciare una nuova storia. Altrimenti il rischio è che tu abbia per la testa due ragazzi contemporaneamente..risultato? Confusione! Ciao!

Youngmail

Problemi con l'amore..e con papà

20/05/2008: di mery-92, 16 anni

Domanda

Ciao youngmail, scusami se ti disturbo per l'ennesima volta ma come al solito vorrei dei consigli...
Sei mesi fa mi sono lasciata con il mio ragazzo, ho sofferto da morire perchè siamo stati insieme tre anni e mezzo (rapporto a distanza però), però lui era innamoratissimo di me (lo è tutt'ora da quello che mi ha dimostrato) il motivo per cui ci siamo lasciati è stato quello che lui negli ultimi otto mesi (che stavamo insieme) era cambiato totalmente non so il perchè ma mi riempiva di parole non so e come se godeva a vedermi soffrire...insomma per non raccontartela tutta l'ho lasciato per disperazione perchè veramente mi sentivo morire! Quando mi sono lasciata diciamo che mi sono sentita libera (lui era un tipo molto possessivo e non mi lasciava tanto i miei spazi)... poi in questo periodo di tempo ho conosciuto un altro ragazzo, mi trovavo bene con lui ma lo reputavo solo un semplice amico nel quale sfogarmi (visto la situazione in cui ero avevo bisogno di qualcuno con cui parlare), poi andando avanti provavo molto bene nei suoi confronti (non amore) insomma sono uscita insieme a lui e c'è stato un solo bacio (lui è sempre a Napoli perche io abitavo a napoli ma poi mi sono trasferita nel Veneto e lui l'ho conosciuto tramite chat!)... poi una volta risalita qui (nel veneto perche intanto ero scesa a napoli perche c era la comunione di mia cugina per tre giorni ho soggiornat) il mio ex che si chiama d. si e fatto risentire(io a lui lo pensavo sempre e l'ho sempre amato e lo amo tutt'ora). insomma l'ho perdonato lui però mi ha promesso che a settembre si trasferisce anche lui nel veneto cosi possiamo vederci e non stare lontani... però il problema ora è mio padre (è un tipo all antica e molto "permaloso pesante" non ho un buon rapporto con lui lo so che non si dice ma lo odio...perche mi ha fatto determinate cose che mi hanno fatto molto soffrire). ieri mentre stavo facendo la web con d. lui mi ha visto e dopo a tavola ha incominciato a urlarmi e a dire ma non cresci mai, prima vuoi fare la grande e poi sei una bambina, poi mi ha giurato su sua madre che è morta che se vedeva d. giu lo picchiava cosi io e lui "ci toglievamo il vizio" (ossia di ritornare insieme). io però domenico lo voglio con tutta me stessa (ah, l altro ragazzo alla fine l ho lasciato) cosa dovrei fare con mio papà e come posso risolvere questa situazione... la mia unica paura e proprio quella che anche domenico possa ritrattarmi di nuovo cosi infatti appena vedo nei suoi confronti un atteggiamento simile ai precedenti mi arrabbio subito insomma non so neanche io cosa voglio e che fare datemi un consiglio voi vi prego... grazie aspetto con ansia una vostra risposta....

Risposta

Cara mery-92, non è una situazione semplice. Anzitutto credo tu debba rispetto a te stessa, il che significa non accettare di essere offesa da d. e anticiparglielo, cioè dirgli che non accetterai più di essere presa a parole come in passato. Se dovesse rifarlo vale la pena di pensare seriamente a che tipo di vita ti farebbe fare un uomo che non ti rispetta. In secondo luogo, tu hai 16 anni: mi pare sia molto impegnativo, per la tua età, pensare che d. si trasferisca a vivere nel Veneto solo per te...vuol dire vincolarsi a lui in un modo che ti renderebbe difficile eventualmente chiudere con lui se capissi che non siete fatti per stare insieme. Prima di fare un passo importante come il trasferimento forse dovreste riprovare a stare un pò insieme così, anche se comporta vedervi meno. Questo però ti permetterà di chiarire i sentimenti e le idee, anzichè ributtarti a capofitto in una storia in cui hai ancora tanti dubbi e di 'preparare' tuo papà, facendogli un pò alla volta capire che se anche le manifestazioni d'affetto possono sembrargli infantili, i tuoi sentimenti e quelli di d. sono profondi e duraturi..anche per questo ci vorrà del tempo! Imporre a tuo papà la presenza di d. non mi pare possa migliorare la situazione, anzi, se è permaloso come tu dici, rischia di prenderla come una provocazione. È invece opportuno che un pò per volta tu gli faccia comprendere che non stai con d. per dispetto a lui, ma perchè ne sei innamorata. Alcune volte funziona coinvolgere il genitore, facendosi raccontare come ha fatto lui con mamma o chiedendogli piccoli consigli in proposito: è come aiutarlo a mettersi un pò nei tuoi panni, a ricordarsi quand'era lui un adolescente innamorato.. In bocca al lupo!!

Youngmail

Mi ha solo preso in giro?

07/05/2008: di trilli, 17 anni

Domanda

Cara youngmail, lo so che riceve chissà quante e-mail di ragazzi adolescenti con problemi d'amore, ma la mia vita è davvero un disastro. Ad ottobre ho conosciuto un ragazzo. All'inizio neanche mi piaceva, poi mi sono innamorata, davvero follemente!Ci siamo messi insieme. Avevo completamente perso la testa per quel ragazzo così diverso da me, io un po' secchiona a scuola, non sono chissà che bellezza,anzi, ma non sono nemmeno bruttissima almeno credo; con pochi ragazzi alle spalle e un sacco di cotte sbagliate mentre lui beh oddio lui era fantastico, il classico fighetto con un fisico da urlo, che non va bene a scuola ma da dio nello sport con una fila di conquiste alle spalle e sicuramente con tanta più esperienza di me. Spesso mi sono chiesto come poteva lui essere interessato a una ragazza insignificante come me, ma quando è entrato nella mia vita ha colorato tutto il mio mondo con tutti i colori che ci possono essere. Insieme abbiamo passato momento indimenticabili e io sono stata troppo felice con lui. Poi però qualcosa si è incrinato: un sacco di ragazze gli scrivevano e forse lui ha capito che poteva trovare di meglio di me. Poi è passato anche questo periodo anche se un giorno una ragazza l'ha baciato sulla bocca a stampo; io l'ho perdonato perché diceva di amarmi e io ingenua gli credevo e lo amavo anche io. Dopo 2 mesi abbiamo fatto l'amore: era la prima volta per tutti e due. Io sinceramente non mi sentivo troppo sicura ma ho pensato che forse dovevo farlo per lui, per dimostrargli che lo amavo da morire e dato che lui insisteva e mi diceva che forse un giorno una gli avrebbe detto così tante cose da convincerlo ad andare con lei. E io che avevo paura di perdere il mio grande amore mi sono buttata, ma purtroppo le cose si sono ri-incrinate di nuovo beh come diceva lui il suo amore per me era come in coma. Io ho aspettato, ho avuto pazienza ma dopo tre mesi che eravamo insieme mi ha mollato. Anche dopo che la nostra storia era finita ci sentivamo ogni giorno. Ad una festa una settimana dopo che ci siamo lasciati mi ha baciato e un giorno è venuto a casa mia e abbiamo fatto l'amore. Forse pensavo di riconquistarlo...che deficiente! Poi se n'è andato, così come era venuto. Ha fatto una botta e via con una dopo una settimana. Poi è tornato di nuovo. Siamo stati insieme un mese e una settimana quando mi ha detto che ha bisogno di fare nuove esperienze e di tempo, in pratica si era stancato. Lui diceva di amarmi...Io per lui facevo di tutto, ma tutto tutto eh! Lui mi ha cambiato la vita...e non sto esagerando davvero! E adesso io sto da schifo...ieri lui era con i suoi amici e io ero coi miei...poi la mia amica è andata a casa e io girovagavo da sola quando l'ho trovato anche lui da solo..e ci siamo baciati, no anzi abbiamo fatto qualcosa di più di qualche bacio! E mi ha anche detto che vuole ancora fare l'amore con me...gli ho detto che mi sta bene, forse così penso di riaverlo, l'altra volta è successo.. Ma lui è strano e sento che c'è qualcosa che non va, ma quando ho provato a parlargli mi ha detti di non rompergli i coglioni e allora io gli ho detto che se un giorno avrà bisogno per lui ci sono ma non ci siamo più scritti neanche x sms...ho sbagliato qualcosa? Lo devo dimenticare? Ha solo giocato con me? Si è solo divertito finchè si è stancato? Non so più che fare, magari mi ha solo preso in giro...non so più che pensare ma di 3 cose sono sicura: che lo amo ancora, che mi manca da morire e che ci sto troppo male e voglio "guarire"... che devo fare? ...io non so più davvero che fare...un bacio e grazie!

Risposta

Cara Trilli, alla tua età ogni storia d'amore è un capitolo (a volte per la verità anche un intero libro!) a sè. La tua sembra essere piuttosto avventurosa...con alti e bassi, slanci e 'sparizioni'. In tutto questo però il tuo sentimento è rimasto costante, mentre quello del tuo ragazzo sembra piuttosto difficile da decifrare. Perciò mi è difficile rispondere alla domanda con cui intitoli la tua lettera.. Penso che la tua disponibilità (a fare l'amore con lui, ad esserci sempre e comunque qualsiasi cosa accada, ad essere propensa a perdonarlo ed eventualmente rimetterti insieme) anche se motivata dal provarle tutte purchè lui torni, non è d'aiuto nè per te nè per la tua autostima. Innanzitutto perchè ti pone in una posizione di inferiorità del tipo "Ti riprenderei a qualsiasi condizione", cosa che peraltro in quella storia sembravi già vivere fin dall'inizio ("Spesso mi sono chiesta come poteva lui essere interessato a una ragazza insignificante come me"). E come si fa a stare bene e a 'coltivare' la propria stima di sè in un rapporto dove si ritiene di non essere speciali quanto l'altro?
In secondo luogo, 'tenergli le braccia aperte' se da un lato permette che lui torni ogni tanto, ti rende anche un porto da cui partire con la stessa facilità con cui arriva. Non è giusto..così sei tu stessa ad esporti al rischio di essere presa in giro. Perchè lui possa vedere che vali, tu per prima devi sentire che vali e comportarti di conseguenza! Altrimenti sei tu stessa che ti maltratti! Capisco tu sia molto innamorata, ma credo che in questa storia dovresti non dimenticarti di voler bene anche a te stessa, di meritare un ragazzo che si innamori di te e stia con te con maggiore costanza. Se è lui, benissimo, altrimenti - credi - ce ne sono altri che possono diventare importanti per te, anche se ora ti sembra impossibile! Anche se lui tornasse a queste condizioni il rapporto sarebbe fragile, perchè lui saprebbe che può comportarsi come vuole e tu saresti sempre lì e tu sentiresti di doverlo sempre compiacere per non rischiare di perderlo..questo rischia di non essere più amore ma dipendenza. Comincia a mettere i puntini sulle i..se lui ti vuole dovrà un pò lottare per stare con te, altrimenti..meglio saperlo subito, non trovi? Un in bocca al lupo grosso grosso! Ciao!

Youngmail

Youngmail

Scrivici