Youngmail è una rubrica interattiva tra giovani ed operatori esperti

È un servizio di consulenza gratuito on-line offerto
dai Consultori Familiari dell'ULSS di Vicenza

Come puoi vedere ci sono tanti argomenti di cui puoi parlare: sessualità, contraccezione, rapporti di coppia, con amici, con gli adulti intorno a te, problemi, dubbi o riflessioni personali,...
Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Scrivendoci potrai chiarire dubbi, ricevere informazioni utili, avere uno spazio di confronto e riflessione ed eventualmente dei consigli.

Cerca tra le lettere inviate

Ultime pubblicate

Preservativo rotto, ma con pillola: rischi?

14/09/2021: di Fra, 21 anni

Domanda

Ho avuto un rapporto con il mio ragazzo ma il preservativo si è rotto nella parte superiore. Purtroppo ce ne siamo accorti solo dopo che lui era già venuto dentro.. Io prendo la pillola effimia dal 30 luglio

- dovrei essere protetta oppure no?
- è meglio prendere lo stesso la pillola del giorno dopo?
- è meglio fare un test di gravidanza, dopo quanti giorni dal rapporto ha senso farlo?

Risposta

Cara Fra,
se hai sempre preso la pillola in modo corretto e puntuale, sei coperta dal punto di vista contraccettivo e non hai necessità di assumere la pillola del giorno dopo. Effettua un test solo se non sei sicura dell'assunzione regolare o se non dovesse arrivarti la mestruazione.
Tieni conto però che la pillola contraccettiva protegge solo dal rischio di gravidanze indesiderate, non da eventuali malattie sessualmente trasmissibili.
Ciao!

Youngmail

Quando e come fare analisi per le MST?

06/09/2021: di Gio, 21 anni

Domanda

Dopo quanto tempo da un rapporto non protetto è il caso di fare delle analisi per le MST? Dove si possono fare, in privato o in ospedale/ulss? Grazie

Risposta

Ciao Gio,
è opportuno fare le analisi in tempi brevi dopo il rapporto a rischio, ma anche ripeterle dopo 3 mesi. Le malattie sessualmente trasmissibili, infatti, sono diverse e di diverso tipo e possono avere dei "periodi finestra" da riverificare, appunto come consigliato, anche a distanza di mesi.
Per effettuare le analisi puoi sia recarti in ospedale provvista dell'impegnativa del medico, sia in qualsiasi centro privato effettuandole a pagamento senza impegnativa.
Ciao!

Youngmail

Test HIV: dove si può fare?

09/05/2021: di io, 20 anni

Domanda

Ciao ym, volevo chiedere dove/se è possibile fare il test per l'hiv in modo anonimo e possibilmente gratuito.. Ho guardato su google ma ho visto che c'erano solo a Milano o Roma... c'è qualcosa di simile nel vicentino? Serve la ricetta medica? E' obbligatorio andare nei centri privati di analisi?
Grazie

Risposta

Cara "io",
in linea generale il test HIV si può fare gratuitamente, anche in anonimato, presso il Day Hospital delle Malattie Infettive. Inoltre, dato che se pensi di fare il test probabilmente sei in una situazione di dubbi non facile, recarti lì può esserti utile anche per fare un eventuale valutazione del rischio e avere informazioni e orientamento sul da farsi (viene infatti fornito un servizio di counselling).
Gli ambulatori si trovano presso l'Ospedale di Vicenza. In generale ci si poteva recare direttamente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00, ma dato il periodo Covid con molta probabilità gli appuntamenti vanno concordati. Ti consigliamo quindi di telefonare al 0444 753708 o al 0444 753780.
In bocca al lupo!!

Youngmail

Per la pillola servono analisi?

31/03/2021: di ..., 16 anni

Domanda

Per prendere la pillola bisogna fare prima esami del sangue o no?

Risposta

Cara amica,
dipende dalle situazioni. In occasione della visita ginecologica verrà fatta un'anamnesi accurata, che indicherà se sono necessari o meno approfondimenti prima di prescriverti la pillola.
Se valutati non necessari, il ginecologo procederà direttamente alla prescrizione.
Ciao!

Youngmail

Ho perso i contatti con il mio "ponte" della compagnia

31/03/2021: di Aurora, 15 anni

Domanda

Ciao avrei piacere di parlare di un piccolo problema con voi...
Ho iniziato circa da un mese a fare parte di una compagnia di quasi soli maschi. Con uno ho legato particolarmente perchè i primi tempi mi cercava sempre, mi chiedeva se uscivo ect...da ormai una settimana non mi cerca più e quindi non sto più nemmeno uscendo con questa compagnia...
Io a lui mi sono affezionata veramente molto infatti ogni giorno piango perché credo di averlo perso visto che non mi scrive più. Mi potreste dare dei consigli per non pensarci più a lui e smettere di piangere e dargli tutta questa importanza per favore? Grazie mille!

Risposta

Buongiorno Aurora,
forse il primo passo sarebbe sentire il ragazzo in questione e chiarire rispetto a quanto è accaduto. Se anche, come tu immagini dal suo silenzio, per qualche ragione lui non volesse più mantenere una relazione con te, sarà più facile "chiudere il capitolo" se almeno hai una ragione da darti al riguardo.
Il secondo punto è che forse, conosciuta un pò la nuova compagnia, non è necessario per uscire avere sempre "l'invito" di una persona. Potrebbe essere che anche tu ti fai viva e chiedi se ci sono programmi (misure anti-covid permettendo).
Se, alfine, dovessi "dimenticarlo", più che imporsi di non pensarlo è efficace cercare di essere molto occupati, avere cose da fare, interessi da coltivare e amicizie altre da frequentare. Il tempo, poi, di solito aiuta...
In bocca al lupo!!

Youngmail

Ritardo mestruazione dopo pillola del giorno dopo

13/01/2021: di Giulia, 19 anni

Domanda

Salve, ho assunto la pillola del giorno dopo il 2 novembre a circa 29/30 ore dal rapporto non protetto. Dopo 5 giorni ho avuto le mestruazioni, che sono arrivate 7 giorni prima e hanno avuto flusso e durata regolare. Oggi 4 dicembre ancora non arriva il ciclo, posso stare tranquilla?

Risposta

Cara Giulia, scusaci, per motivi organizzativi ti rispondiamo un pò in ritardo. L'assunzione della pillola del giorno dopo è stata corretta. Tuttavia la sua efficacia non è completa e non può essere utilizzata come metodo contraccettivo, ma solo nell'urgenza occasionale. Sarebbe opportuno riflettere su un metodo più sicuro ed efficace per prevenire gravidanze indesiderate, ossia su una contraccezione sicura. E' molto frequente l'irregolarità della mestruazione come conseguenza dell'assunzione della pillola del giorno dopo. Immaginiamo che le mestruazioni seppur un po' in ritardo, siano poi venute. Diversamente, ti consigliamo di effettuare un test di gravidanza. Nel caso di esito positivo, se vuoi puoi venire in consultorio. Ugualmente, se vuoi un aiuto per capire quale sia la contraccezione sicura a te più adatta, ti aspettiamo! Nel sito trovi tutti i riferimenti telefonici e gli indirizzi a cui puoi trovarci. Ciao!

Youngmail

Pillola sicura senza profilattico?

08/01/2021: di Alex, 21 anni

Domanda

Io e la mia ragazza vorremmo avere rapporti senza profilattico. Lei sta prendendo la pillola contraccettiva regolarmente da mesi per regolare il ciclo (e continuerà a farlo). Entrambi non siamo portatori di malattie sessuali trasmissibili. Possiamo stare tranquilli senza profilattico?

Risposta

Ciao Alex,
se la tua ragazza prende in modo corretto e regolare la pillola potete stare tranquilli dal punto di vista contraccettivo.
Per il discorso delle malattie sessualmente trasmissibili, chiaro che nel caso non sareste protetti senza profilattico, ma se siete sicuri di essere entrambi sani e certi della fedeltà reciproca...
Ciao!

Youngmail

Ciclo molto in ritardo

02/12/2020: di Susy, 21 anni

Domanda

Salve sono Susanna, ho alcune preoccupazioni, premetto che il mio ciclo è irregolare il 21 ottobre ho avuto un rapporto protetto ho controllato e sono stata molto attenta ma oggi 16 novembre sono al 18esimo giorno di ritardo.
Non ho avuto alcun sintomo tranne pancia dura e gonfia questa ultima settimana e da un giorno ho qualche dolore al basso ventre e un po’ di mal di testa.
Sono un po’ preoccupata di essere incinta anche se sono stata molto attenta e mi sembra improbabile.

Risposta

Ciao Susanna, ci scusiamo per il ritardo della risposta. Cosa intendi per rapporto protetto? Preservativo?
In ogni caso, visto il ritardo, è assolutamente opportuno tu faccia l'analisi del beta hcg tramite analisi del sangue per capire se è iniziata una gravidanza o è un ritardo ascrivibile alla tua irregolarità.
Se dovesse risultare positivo puoi rivolgerti al consultorio familiare della tua zona per riflettere insieme sul da farsi.
Analogamente, se dovesse risultare negativo, vista anche l'irregolarità del ciclo, sarebbe opportuno prendessi appuntamento col ginecologo per valutare una contraccezione sicura (pillola contraccettiva, cerotto o anello vaginale).
Ciao!

Youngmail

Pillola del giorno dopo e fertilità

11/10/2020: di Camilla, 20 anni

Domanda

Buonasera. Sono una ragazza di 20 anni, nell’arco della mia vita ho assunto due volte la pillola del giorno dopo. Ho paura che questo abbia intaccato la mia fertilità futura, proprio a causa di queste due pillole. Ringrazio per la disponibilità e spero che questa mia preoccupazione venga risolta.

Risposta

Buongiorno! L'assunzione della pillola del giorno dopo non può in alcun modo compromettere la fertilità futura. Essa agisce solamente nel ciclo nel quale la si assume, cioè ritarda l'ovulazione in corso. Chiaramente è preferibile utilizzare una contraccezione sicura che ti aiuti ad evitare il ricorrere più volte alla contraccezione di emergenza (o pillola del giorno dopo). Se vuoi, prendi appuntamento e vieni a trovarci nel consultorio più vicino a dove abiti che ne parliamo insieme.
Ciao!

Youngmail

Come si trasmettono le malattie sessualmente trasmissibili?

18/09/2020: di Anon, 21 anni

Domanda

Volevo chiedere una cosa: è possibile prendersi delle malattie sessualmente trasmissibili avendo un rapporto orale? È necessario che siano a contatto i genitali o basta una mucosa (es. Bocca)?

Risposta

Cara Anon, la trasmissione di malattie sessualmente trasmissibili avviene attraverso il contatto diretto fra ogni tipo di mucosa, in particolare per l'hiv se sono presenti piccole lesioni.
Ciao!

Youngmail

03/09/2020: di Anonima, 17 anni

Domanda

Salve, vorrei sapere si ci sono probabilità che io sia incinta a causa del petting...
Mi spiego meglio: io e il mio ragazzo stavamo facendo del petting e molto probabilmente lui, dopo essere venuto sui suoi pantaloni e aver toccato la schiazza bagnata, ha fatto un ditalino a me. C’è il rischio che sul dito siano rimasti dei residui di sperma dopo che si è toccato i pantaloni bagnati?

Risposta

Ciao Anonima,
da quello che ci racconti, non dovresti essere a rischio, tuttavia se tu ed il tuo ragazzo state avvicinandovi alla sessualità, converrebbe iniziare a pensare ad una contraccezione sicura che vi protegga dal rischio di gravidanze indesiderate...e dalle paure del "dopo"! Se vuoi, puoi venire in consultorio familiare e parlarne con un ginecologo.
Ciao!

Youngmail

Preservativo sfilato e PGD: rischio?

03/09/2020: di Stellina, 21 anni

Domanda

Salve vorrei farvi una domanda, ho avuto un rapporto 5 giorni prima del ciclo quindi tecnicamente non ero in periodo fertile, a fine rapporto quando il mio ragazzo è uscito ha trovato il preservativo sul sedile quindi so sarà sfilato appena uscito, ho preso norlevo per sicurezza 11 ore dopo nonostante non ero nei periodi fertili, oggi dovrebbe arrivarmi il ciclo, potrei essere comunque a rischio?

Risposta

Ciao Stellina! Da quello che ci dici, non è stato un rapporto a rischio. Considera però che il ciclo mestruale anche in una donna sana può subire delle variazioni che non si possono programmare. Quindi valutare il rischio di un rapporto dal "conto dei giorni" può non essere sicuro.
Inoltre, in generale quando il preservativo non viene usato correttamente, la sua sicurezza è diminuita, quindi è utile far uso della pillola del giorno dopo, come hai fatto tu.
Perché non pensare ad un metodo più sicuro come la pillola? Se vuoi saperne di più ti aspettiamo al consultorio familiare! Ciao!

Youngmail

Petting e timori di rischio

03/09/2020: di valsss, 18 anni

Domanda

Salve, avrei una domanda da porre. Io sono vergine. Dieci giorni fa io e il mio ragazzo abbiamo praticato petting. Lui era svestito mentre io indossavo gli slip. Nel momento della eiaculazione, è venuto sul mio addome, non toccando gli slip. Subito dopo mi sono alzata per togliere il liquido spermatico, ho tolto le mutande e ho fatto una doccia. È possibile che il liquido sia scivolato giù durante la doccia e io sia rimasta incinta? Poi, dopo aver messo le mutande dopo la doccia, mi sono resa conto che erano bagnate, ma probabilmente era per causa della mia eccitazione. È possibile questo? Mi sto preoccupando perché ho avuto delle perdite in questi giorni e non vorrei siano perdite da impianto.

Risposta

Ciao Valsss,
da quel che racconti non sei a rischio. Se tu ed il tuo ragazzo avete deciso di iniziare a vivere la sessualità, converrebbe comunque iniziare a pensare ad una contraccezione sicura che vi protegga dal rischio di gravidanze indesiderate...e ansie successive ai momenti di intimità! Se vuoi, puoi venire in consultorio familiare e parlarne con un ginecologo.
Ciao!

Youngmail

Non è mai merito mio...

29/07/2020: di Ada, 20 anni

Domanda

Ciao ym,
è da un po' di tempo che mi sono accorta di avere comportamenti di auto-sabotaggio o qualcosa del genere..
Es. all'università, anche quando prendo un bel voto (27-28), appena vedo il voto sono euforica e felice, poi però dentro di me subito dopo penso sempre "fortuna che mi ha chiesto questo/se mi avesse chiesto quest'altro non avrei saputo rispondere/aveva la giornata buona/ho preso la scheda facile"... Insomma non riesco a riconoscermi i traguardi che raggiungo, penso sempre sia merito di altro o che comunque quel "successo" non sia dovuto a me. Se faccio bene qualcosa, es. la pizza fatta in casa, e tutti mi dicono che è molto buona ed effettivamente piace anche a me, dentro penso "boh sta volta è andata bene" ed è così per ogni cosa..

Non riesco a capire il perché di questo mio comportamento, sta diventando davvero pesante.. Vorrei riuscire a cambiare prospettiva.. Consigli?

Risposta

Buongiorno Ada,
più che di auto-sabotaggio, parlerei della difficoltà a riconoscerti i meriti dei tuoi successi o delle cose buone che fai, come se ne cercassi il motivo fuori da te (a volte magari anche il "fuori" aiuta), senza dare il giusto valore al tuo contributo e impegno. Questo atteggiamento può essere legato ad una considerazione di te non abbastanza positiva. Penso potrebbe esserti utile un lavoro di rinforzo dell'autostima attraverso colloqui psicologici o gruppi specifici a tema. A volte le università hanno iniziative di questo tipo. Informati! Diversamente chiama il consultorio familiare più vicino a dove abiti e chiedi di poter avere un supporto in tal senso. In bocca al lupo!!

Youngmail

Bisogno di capirmi

29/07/2020: di Francesca, 20 anni

Domanda

Da quando ho 13/14 anni sono autolesionista. Con gli anni sono migliorata tantissimo, infatti se prima mi tagliato ogni giorno ora sono pulita da molto e penso che l'ultima volta è stata 6 mesi fa circa (prima dell'ultima volta non lo facevo da molto).
Non mi pento di quello che ho fatto, ma mi fa riflettere come dopo tutto questo tempo rimanga ancora un'opzione fattibile, seppur come ultima spiaggia, per superare momenti critici (a primo impatto rimane ancora la prima cosa a cui penso).
Mi chiedo a cosa è dovuto tutto questo? Perché reagisco così? Perché penso di meritarmi il dolore/punizioni e mi sento forte solo quando sono ferita/sto male?
Ho paura di vivere una vita in cui non mi concedo la possibilità di riuscire a fare cose importanti/belle, perché penso di non riuscirci/non meritarle. Penso di meritare di stare male, che sia giusto così. Quando esco con le mie amiche, dentro di me penso sempre che stiamo fingendo e che non gli interessi veramente di me, non tanto per loro interesse personale ma come se mi sopportassero per pietà. Che da un momento all'altro potrebbero stancarsi di me e abbandonarmi, trovando di meglio.

Non mi comprendo più, io non sono mai stata così

Risposta

Cara Francesca,
le riflessioni che porti sono importanti ed hanno molto a che fare con la ricerca di un equilibrio (buono) con te stessa.
Sono molte le ragioni per cui di fronte al disagio le persone possono ricorrere all'autolesionismo. Io non credo esista una risposta "standard", ma che sia necessario comprendere nello specifico della tua persona e personalità e della tua storia le sensazioni che vivi e i disagi e le paure di cui parli. Per questo motivo ritengo potrebbe esserti d'aiuto uno spazio psicologico in cui provare ad approfondire le tue domande e le paure. Se vuoi, puoi chiamare al consultorio più vicino a dove abiti e prendere appuntamento con uno psicologo. In bocca al lupo!

Youngmail

Youngmail

Scrivici

Scrivici